Credit: thenewtravel

Nei racconti di viaggio vengono citati raramente, sono considerati asettici e privi di qualsiasi funzionalità essenziale che non sia l’ampio spostamento da una parte all’altra del pianeta; eppure gli aeroporti sono molto di più.
Cancellate dalla vostra testa l’immagine del metal detector, del check-in all’ultimo minuto, della corsa sfrenata all’ultimo gate dell’edificio, dimenticatevi la valigia dispersa tra Parigi e Francoforte. Oppure no. Ricordatevi tutto e aggiungete dell’altro, perché dagli aeroporti incomincia ogni cosa, o forse finisce. E se pensate che nel vostro diario di viaggio non ci sia spazio per descriverne le particolarità, se siete convinti che la vostra permanenza nella departures hall sia irrilevante rispetto a quello che accadrà nelle ore successive, probabilmente dovete rimettere le carte in tavola e cambiare idea.

Gli aeroporti sono inevitabilmente lo specchio della città in cui si trovano. Questo fattore ne implica la grandezza, i sistemi di sicurezza più o meno fiscali, l’affluenza di passeggeri, la quantità di locali e negozi, la frequenza di voli intercontinentali. Alcuni poi, si trovano in punti strategici, atti a renderli ponti comunicativi tra mondi opposti e culture diverse.

È questo il caso del famoso Ataturk di Istanbul, una vera è propria porta d’accesso tra continenti, a metà tra Oriente ed Occidente, in cui passeggeri di ogni tipo e nazionalità s’incrociano costantemente, respirando l’aria cosmopolita di un aeroporto che pare essere il centro della terra. Ataturk sembra un mercato metropolitano in cui la folla non cessa di fluire, di giorno come di notte: business men, musulmane coperte da burka neri, sceicchi in mises griffatissime e orpelli tecnologici, accompagnati da un numero imprecisato di prole e talvolta di mogli; tutti che si affrettano a raggiungere il proprio gate in maniera del tutto confusa e caotica. Ad Ataturk regna infatti il caos, ogni terminal è disposto senza seguire un nesso logico, si incrociano talmente tante coincidenze, soprattutto di notte, che prendere la navetta per raggiungere il proprio aereo, significa immergersi in un traffico simile a quello per le strade cittadine nell’ora di punta la vigilia di Natale. Per non parlare delle code colossali in cui si è soliti incappare arrivando e andando via da Istanbul. Ma è proprio questa la bellezza di Ataturk, questo continuo incontro di civiltà che si mescolano e si distaccano, senza mai smettere, un ciclo infinito che nessun altro aeroporto mostra così evidentemente.

Tra quelli più particolari abbiamo invece il Barra Airport in Scozia, l’unico aeroporto al mondo in cui gli aerei decollano direttamente sulla spiaggia: un’esperienza davvero incredibile. Con solo quattro voli – a causa delle alte maree – è accessibile da Banbecula e Glasgow.

Credit: webcommunity.ilvolo.it
Credit: webcommunity.ilvolo.it

A seguire il Changi International Airport di Singapore: il più sfarzoso. Qui potrete godervi free Wi-Fi, film, nuotate sul tetto, massaggi gratuiti e se avete tempo c’è un autobus che vi porta direttamente nel cuore della città per un tour di due ore.

Credit: www.ternioggi.it
Credit: www.ternioggi.it

Infine, certamente caratteristico è il King Abdoulaziz International Airport di Jeddah. Jeddah è la seconda città del business dell’Arabia Saudita dopo Dubai e il suo è un aeroporto “prezioso”, visto che resta aperto solo sei settimane all’anno. Lo scopo? Accogliere i pellegrini musulmani. Non a caso il terminal sembra un accampamento di beduini, dove si può sostare prima di ripartire per La Mecca.

Credit: nouran.ae
Credit: nouran.ae

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here