Credits: castelporrona.it
Condividi quest'articolo!

A volte le fiabe prendono vita e ci si ritrova a vivere in un sogno.
Questo è quello che promette “Castel Porrona Relais“, che da aprile alzerà il suo ponte levatoio permettendo agli interessati di affittare l’intera struttura per trasformarsi nel re e nella regina del castello.

Il castello si trova in Toscana, in un antico borgo dell’alta Maremma. È situato in località Porrona – da cui prende il nome – frazione del Comune di Cinigiano in provincia di Grosseto. E vanta anche una rilevanza storica.
È appartenuto, infatti, a due grandi famiglie della nobiltà senese, i Piccolomini e i Tolomei. Il Castello è al centro di un vero e proprio borgo che lo ingloba e lo protegge; include la piccola chiesa di San Donato, ricostruita nel 1459 da Papa Pio II principale esponente della famiglia Piccolomini.
Costruito intorno all’anno 1100, divenne subito luogo di soggiorno per famiglie nobili senesi che si spartirono il controllo sul Castello e sul vicino palazzo situato nella parte centrale del borgo.
Intorno al 1540 una parte della tenuta e del Castello passò per divisione ereditaria ai Tolomei mentre la cosiddetta Porrona di Sotto rimase ai Piccolomini.

Dopo un lungo lavoro di ristrutturazione, che ne ha conservato le cubature e la storia delle sue mura, il castello offre la possibilità ad un individuo, una coppia, una famiglia o un gruppo (fino a 10 persone) di affittare la struttura per minimo tre notti e per i più disparati eventi: dai matrimoni a semplici vacanze con gli amici.

Certo è che per avere la possibilità di risiedere nel castello e avere a disposizione le sue 5 camere esclusive, oltre che la volontà di trasformarsi in re o regine, è necessario un vero e proprio portafoglio regale: l’affitto dell’intera struttura infatti viene, per una singola notte, circa 16.000 euro.

Non resta che tornare a sognare, o per i più fortunati, correre a prenotare e poi raccontarci come ci si sente a vivere come in una corte medievale ma con tutti i conforts del XXI secolo.

[Credits: Università di Firenze,castelporrona.it]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here