L’Italia è piena di tesori nascosti, geograficamente e artisticamente parlando. Per questo motivo, oggi, vogliamo raccontarvi di 10 laghi nascosti tra le valli di tutta la penisola, dalla bellezza mozzafiato e dalla storia antica.

1. Castellaro Lagusello – Mantova

Castellaro Lagusello è considerato uno dei borghi più belli d’Italia. Il merito di questa nomea va anche al lago dalla particolare forma di cuore che sorge sulla collina.
laghi Castellaro-800-770x578

2. Lago Federa – Belluno

All’interno della famosa Cortina d’Ampezzo, esiste questo bellissimo laghetto dolomitico chiamato Lago Federa. La sua particolarità è davvero molto interessante: nonostante il Lago Federa non abbia fiumi né immissari né emissari, il suo livello d’acqua è costante tutto l’anno grazie alle sorgenti sotterranee.
lago-di-federa-6dff231e-d018-413e-b78e-37d58b6fc2d3-770x511

3. Lago di Braies – Bolzano

Intorno a questo lago, situato nella valle di Braies, da cui ha poi preso il nome, è sorta una leggenda. In questa valle sembra abitassero dei selvaggi, molto brutti, che si prendevano cura dell’oro presente nelle montagne, ma un giorno vennero scoperti da alcuni allevatori, ai quali, i selvaggi, regalarono dei manufatti realizzati con il loro oro. Ma la natura umana si sa, è avara, e infatti gli allevatori divennero sempre più avidi, al punto da costringere i selvaggi a far sgorgare delle sorgenti che crearono il lago, al fine di impedire agli allevatori di raggiungere le loro miniere.
lago-di-braies-d63d6365-e284-4400-913f-566c60f64ec9-770x513

4. Lago di Resia – Val Venosta

Questo lago ha un campanile al centro, costruito circa nel 1357, lo si può raggiungere in inverno, quando il lago si ghiaccia. Una particolarità enorme, conosciuta davvero da poche persone.
Lago_di_Resia_2-770x349

5. Lago di Misurina – Belluno

Anche questo meraviglioso lago, che si trova nel Cadore (Belluno) è teatro di numerose leggende. Si narra che queste acque derivino dalle lacrime del Re Sorapiss, un padre che faceva tutto ciò che sua figlia, Misurina, desiderava: acconsentì addirittura ad essere trasformato in una montagna. Ed è proprio per questo suo immenso amore per la figlia (che, ritrovatasi in cima alla montagna subito dopo la trasformazione, per un capogiro scivolò e morì) che il Re pianse tutte le sue lacrime, che andarono a creare, appunto, il lago di Misurina.
Lago_di_misurina-770x571

6. Parco dell’Isolon – Vicenza

In Veneto, nei pressi di Chiuppano, si trova il Parco dell’Isolon, cioè una specie di isoletta – molto difficile da raggiungere – con un boschetto, e al margine un piccolissimo laghetto, e le acque del torrente Astico.
lago Parco dell’Isolon, Chiuppano – Vicenza

7. Lago Orta, Isola di San Giulio – Novara

La particolarità del Lago d’Orta, che sorge proprio nella città Orta (Piemonte), è la piccola ma bellissima Isola di San Giulio. Lunga solamente 257 metri e larga 140 metri, è quasi interamente occupata dall’abbazia Mater Ecclesiae. Visitarla è davvero un’emozione.
Lago-dOrta_San-Giulio-770x513

8. Lago di Fiastra – Macerata

Questo è un lago artificiale, situato in provincia di Macerata (Marche). Si trova all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, ed è stato costruito, intorno al 1955, per fornire energia elettrica nella Vallata del Fiastrone.
Lago_di_fiastra_MC-770x578

9. Contrà Pria – Vicenza

Anche questo lago si trova a due passi da Vicenza, ed è una meravigliosa radura dove si ferma la corsa del torrente Astico. A colpo d’occhio è davvero uno spettacolo mozzafiato, grazie alla limpidezza delle acque, alle rocce e ai sassolini bianchi che compongono il fondale.
lago Contrà Pria, Arsiero – Vicenza

10. Lago del Predil – Udine

Questo lago ha un’origine glaciale. Si trova infatti in un’antica conca glaciale, e all’interno delle sue fredde acque dal colore verdino c’è un’isoletta che è teatro di una leggenda. La storia vuole che una notte al paese, che si trovava dove ora si trova il lago, arrivarono una donna e il suo bambino, in cerca di ospitalità. Tutti gli abitanti si rifiutarono di aiutarli, tranne una famiglia, che li ospitò calorosamente. Secondo la leggenda, la mattina seguente tutto il paese era sommerso, tranne la zona dove sorgeva la casa di quella famiglia gentile, che corrisponde oggi all’isoletta in mezzo al lago.
lago Lago del Predil – Udine

[Credit: curiosone.tv]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here