Benessere

Home Beauty Benessere
Consigli e notizie su come stare bene e rilassarsi all'insegna del benessere

Quello che non sapete sul ciclo mestruale

www.spicy.robadadonne.it

All’età della prima mestruazione avevo più o meno 13 anni e ricordo che, quando me ne resi conto, provai un senso di sconforto simile a chi ruba e poi viene preso dalla polizia. Mi sentivo il ciclo mestruale alitarmi sul collo, come quasi fosse un segugio, e una volta stanata ebbi la consapevolezza di essere incappata in una delle rotture di palle più grandi della vita. Che cosa avrei fatto? Come l’avrei gestita? Come mi sarei comportata? La cosa più divertente è che da allora ogni mese provo quella sensazione all’arrivo del temibile marchese, come se non mi fossi mai rassegnata davvero a dovere basare la mia vita su qualcosa che non ho scelto di avere. E che vorrei eliminare dalla vita delle donne.
Comunque, nonostante le lamentele e le imprecazioni di quando mi arrivano il giorno prima di partire per il mare, ci sono cose del ciclo che molte donne ignorano nonostante la presenza mensile puntuale.

Lo sapevate che ogni mese perdiamo più o meno una tazza di sangue? E che quest’ultimo non è così diverso da quello che fuoriesce a causa di un taglio al ginocchio? E che il periodo di ovulazione va dai 21 ai 35 giorni? Una cosa molto interessante da sapere è che le donne nascono con un numero di follicoli che varia tra uno e due milioni, e che sono presenti nelle loro ovaie dalla nascita. Naturalmente la maggior parte di essi muore durante la crescita e solo circa 400 arrivano a maturare.
Durante il ciclo spesso ci facciamo influenzare da quei piccoli dolori alla pancia e ci chiudiamo in casa come fossimo delle appestate: la verità è che con il mestruo si può fare praticamente tutto, compresa l’attività sportiva ed il nuoto. State tranquille, al mare il ciclo non aumenta la probabilità di un attacco di squali.

La diceria secondo cui è impossibile rimanere incinte durate il ciclo è assolutamente falsa: gli ovuli possono essere fecondati con difficoltà, ma ciò non è del tutto impossibile.
I metodi anticoncezionali sono tanti e vari, uno di essi è la spirale: molti ritengono che comporti infertilità ma la verità è che, una volta rimossa, il corpo riprende il suo naturale funzionamento dopo un anno.
Avete mai notato che durante il ciclo il desiderio cresce a dismisura? Sapete che non bisogna tenere l’assorbente interno più del tempo consentito? Una cattiva condotta offre terreno fertile per i batteri, per cui, evitatela.

Meditazione: a cosa serve davvero?

Sappiamo bene cosa la maggior parte della gente pensa quando sente la parola “meditazione”: fricchettoni new-age a gambe incrociate nella posizione del loto che pronunciano incessantemente il loro amato mantra “ommm“. Eppure, la meditazione non è una cosa da hippy: è uno stile di vita che può contribuire positivamente al nostro stato d’animo, in molti, molti modi.

Sicuramente tutti sapranno di quanto aiuta a combattere l’ansia e ad alleviare lo stress, secondo i classici rinomati stereotipi. Ma esistono molti altri aspetti di cui ignoriamo l’esistenza: stando a quanto riportato sul blog di salute e benessere Art of Living, “la meditazione conduce le onde cerebrali verso uno stato Alpha che stimola la guarigione”, assieme a tutta una serie di benefici per la propria salute. Ovviamente si tratta di qualcosa di difficile da dimostrare al livello scientifico, dal momento che il motore che sta alla base della meditazione è l’energia spirituale.

Detto questo, è un dato di fatto largamente condiviso che la meditazione porti ad accrescere la propria consapevolezza: nota per il suo potere di dar forma alla mente e apportare un senso di armonia interiore, quest’attività ci dà la certezza che – qualsiasi cosa accada – noi ce la caveremo grazie a un modo di guardare alle cose rinvigorito e rafforzato.

Al contrario, scientificamente dimostrabili a proposito della meditazione sono alcuni benefici fisici, come l’accelerazione del metabolismo (e quindi il dimagrimento): stando alle parole di Lisa Johnson, personal trainer e fondatrice del centro Lisa Johnson Fitness, “gli scienziati del Benson-Henry Institute hanno sviluppato un nuovo studio sulla meditazione, riscontrando un miglioramento permanente nel metabolismo dovuto proprio alla pratica regolare della meditazione”. Nell’esperimento da loro condotto, i soggetti — metà dei quali non avevano alcuna esperienza meditativa — si sono sottoposti a un programma di meditazione di 8 settimane: al termine di questi due mesi, ai partecipanti sono stati effettuati dei test genetici i cui risultati hanno mostrato che la meditazione aveva sollecitato in loro una risposta positiva per quanto riguarda la produzione di insulina e un aumento di mitocondri.

Ancora, la meditazione può migliorare l’attività cardiaca: secondo Laura di BlueOfTime.com, si tratta di un’attività che può ridurre il rischio di attacchi di cuore e di ictus. Un recente studio condotto da Robert Schneider, professore presso la Maharishi University of Management, su 201 afro-americani a rischio di problematiche cardiache ha portato alla conclusione che, dopo cinque anni di meditazione costante, le loro possibilità di attacchi cardiaci, di ictus e di morte si sono ridotte del 48%.

Ovviamente, la meditazione migliora anche lo stato d’animo: come riportato da Stephanie Pappas su Live Science, essa va a migliorare il funzionamento delle attività mentali, nonché emotive. Una ricerca conclusasi ultimamente ha riscontrato che l’esercizio mentale, come può esserlo la meditazione, insegna alle persone a essere lucide e presenti a se stesse senza lasciarsi sopraffare dall’emotività. Ma, attenzione, perché la chiave di tutto resta sempre l’esercizio costante.

10 consigli per superare se stessi

Credit: toptrainings

Nelle nostre vite incasinate arriva quasi sempre il momento della svolta, del cambiamento in agguato oppure di quello tentato e fallito. C’è il giorno della lista dei buoni propositi, degli obiettivi per l’anno nuovo che spesso sono gli stessi dell’anno vecchio. Così ci ritroviamo demotivati a mangiare unto cibo cinese davanti alle nostre serie TV preferite, arresi e sconfortati, dimenticandoci che fuori dalla cornice disordinata della nostra stanza, c’è un mondo pieno di possibilità, di novità allettanti che ci attendono.

Nella top ten delle promesse più non-mantenute c’è quella di perdere peso, allenandosi di frequente. A tal proposito è intervenuta Sayonara Motta, atleta e trainer per Nike, fitness expert per Antigravity Yoga Italia, la quale ha deciso di darci 10 consigli al fine di porci di fronte ai nostri input, ottenendo quello che vogliamo da noi stessi senza procastinare.

Essere autocritici

Avere una visione autocritica di se stessi è il primo passo per migliorarsi. Analizzare la propria vita e le proprie abitudini più o meno sane in maniera razionale porta ogni individuo a focalizzarsi sulle sue potenzialità e su quello che invece necessita un netto miglioramento.

Fissare nuovi obiettivi

Una volta consapevoli di cosa non funziona nel vostro lifestyle, cercate nuovi obiettivi da raggiungere e premiatevi quando siete riusciti a conseguirli.

Mantenere le promesse

Mantenete le vostre promesse. Prefissatene poche ma cercate di non deludere voi stessi infrangendo i patti che avete stretto con il vostro ego. È determinante riuscire nel proprio intento, ne gioverà alla vostra autostima.

Condividere obiettivi

L’ambiente che vi circonda influenza le scelte che fate, ma soprattutto incide fortemente sulla vostra motivazione. Condividete obiettivi e relativi risultati
con qualcuno che tenga realmente a voi, condividete le vostre insicurezze e gioite dei vostri successi.

Non imbrogliare se stessi

Non imbrogliate voi stessi. I cambiamenti vanno fatti un po’ alla volta, di conseguenza variate con gli allenamenti senza pretendere troppo dal vostro fisico. Organizzatevi!

Allenarsi

Allenatevi, allenatevi costantemente e vedrete che non sarà soltanto il corpo a goderne i molteplici benefici, quanto lo spirito, il vostro mood. Sarete più energici e dinamici.

Allenarsi a casa

Non avete voglia di spendere soldi in costosi abbonamenti in palestra? Allenatevi a casa o al parco. Fate Yoga, correte, seguite un programma alternativo che vi dia l’opportunità di perdere peso nel luogo che preferite.

Non procrastinare

Smettetela di rimandare l’impegno preso con voi stessi. Non procrastinate a “domani”, al lunedì seguente. Iniziate oggi, adesso! Create il vostro diario di bordo e stabilite quando volete vederlo concretizzato.

Stancarsi è umano

Sentirsi stanchi e affaticati è del tutto umano, tuttavia è necessario alzarsi dal divano e allenarsi ugualmente. Vedrete che dopo vi sentirete decisamente meglio e l’energia tornerà a pulsare nel vostro corpo.

Stancarsi è umano

Non importa se il tempo che avete a disposizione non superi i 30 minuti, ci sono tantissimi training che vi permettono di allenarvi bene, efficacemente, senza perdere 2 ore della vostra giornata.

Inoltre siate grati a voi stessi, siate riconoscenti e amatevi di più.

Dedicati un’ora per rilassarti

A causa dei ritmi frenetici che la vita impone difficilmente si riesce a trovare un momento, anche solo un piccolo momento tutto per sé, per staccare un attimo, per rilassarsi.
I secondi, i minuti passano troppo veloci, e le giornate, poi, sembrano avere sempre troppe poche ore per le innumerevoli faccende che abbiamo da fare. Così il sistema nervoso ed il corpo, accumulano ogni giorno stress che sembra inevitabile.

Questi ritmi frenetici portano alla sensazione che risulta impossibile, quasi eretico, fermarsi un attimo; così tutte queste tensioni si ripercuotono sulla salute. Ma basta un’ora, un’ora soltanto per allontanarsi dal tran tran quotidiano e rilassarsi quel che basta per poter tornare attivi – o almeno più di prima – nella vita.

L’idea migliore per estraniarsi – purtroppo momentaneamente – dal mondo è quella di spegnere il telefono mentre si fa scorrere l’acqua calda. Una bella doccia, oppure se si ha un pochino più di tempo a disposizione, anche un bel bagno caldo, con l’aggiunta di qualche olio essenziale come lavanda o vaniglia, può essere davvero molto utile, soprattutto se arricchite l’acqua con sali minerali che fanno bene alla circolazione.
Abbassate le luci, e magari accendete qualche candela profumata. Ascoltate musica lounge. Preparatevi un bel tè alle erbe. Assicuratevi che nessuno vi possa disturbare e dimenticate tutto il mondo.

Lo stress prolungato e accumulato provoca, poi, sempre tensione a livello muscolare, tensione che deve essere sciolta con il rilassamento.
“Alla sera ripristinate l’ordine energetico e sciogliete le tensioni della giornata con i classici allungamenti muscolari dello stretching e con qualche posizione yoga” suggerisce Fabio Tozzi, fitness manager del Caroli Healt Club.
Mai dimenticare, poi, di inspirare ed espirare regolarmente. Sarebbe meglio inspirare con il naso, trattenere l’aria per qualche secondo e poi buttarla fuori dalla bocca; è un esercizio davvero benefico.
Spesso, infatti, siamo in apnea senza rendercene conto, causando accumulo di tensione e di tossine. Ripetete l’esercizio di respirazione con naso e bocca, e ripetetelo anche ad occhi chiusi e in una posizione comoda: questa è una tecnica che aiuta il rilassamento.

Dopo gli escamotage “fisici”, serve un rilassamento mentale. Indubbiamente il metodo più efficace consiste nella meditazione, spesso accompagnata da particolari posizioni yoga. L’idea che la meditazione richieda sforzo e concentrazione è errata, senza preoccuparsi della lancetta dell’orologio bisogna lasciar andare la mente senza focalizzarsi sui pensieri che affollano la testa. L’importante è non forzare la mente a fare nulla.


Anche riposare fa bene, e ha effetti non solo sulla salute, ma anche sulla bellezza. Se sentite il bisogno di chiudere un po’ gli occhi, anche solo per mezz’ora, fatevi un bel massaggio rilassante al cuoio capelluto, ai polsi e alle tempie, e prendetevi il cuscino che ritenete più comodo.

Ma per finire in bellezza la giornata liberandosi completamente – o quasi – dallo stress, svolgere la propria attività preferita è senza dubbio il modo migliore. Che sia correre, camminare a passo svelto o andare in palestra per sfogarsi fisicamente, che sia rilassarsi davanti ad un buon film o leggere un buon libro, che sia giocare con i propri figli o portare fuori il cane, che sia bere un caffè con gli amici o cucinare con il partner, ciascuno sa bene cosa lo rilassa.

L’importante è ritagliarsi ogni giorno un certo spazio di tempo, perché si tratta di gesti d’amore nei nostri confronti, che non dovrebbero mancare mai nella nostra vita quotidiana.

[Credit: VanityFair]