Benessere

Home Beauty Benessere
Consigli e notizie su come stare bene e rilassarsi all'insegna del benessere

I rimedi per curare la pelle dopo l’abbronzatura

credits photo : esseresani.pianetadonna.it

L’unico pensiero fisso dell’estate è quello di sfoggiare una pelle abbronzata e luminosa. Ma cosa fare per curare la pelle dopo un’abbronzatura selvaggia? Rischiare di rovinare la pelle per crogiolarsi ore ed ore sotto il solleone sarebbe da evitare, ma essendo in vacanza si pensa sia tutto concesso. Attenzione a non cadere in questo errore.

Ecco i rimedi ed i consigli per curare la pelle dopo l’abbronzatura.

Doccia calda

Fare la doccia o il bagno poco dopo essere state tante ore sotto il sole è molto importante non solo per fissare l’abbronzatura ma anche per idratare la pelle, che durante l’esposizione ha perso molti liquidi. L’acqua calda infatti consente alla pelle di assorbire le sostanze idratanti contenute nelle lozioni abbronzanti. Il calore fa sì che i pori si aprano per permette alla pelle di acquisire l’ossigeno di cui ha bisogno per il processo di abbronzatura.

Crema idratante

In seguito ad un’abbronzatura selvaggia la pelle può apparire eccessivamente secca perché disidratata. In questo caso, dopo aver fatto un bagno caldo, il consiglio è quello di applicare una crema idratante molto densa e nutriente, anche più volte dopo l’esposizione al sole. Un rimedio molto efficace è l’olio di Argan, di cui si parla spesso per le sue proprietà benefiche e lenitive. Oppure si possono applicare creme al miele fai o anche creme idratanti contenenti emollienti come la camomilla, ideale anche per schiarire e lenire eritemi solari e scottature.

Riposo

Dopo una giornata di sole, è buona norma lasciare riposare la pelle per almeno 24 ore prima di una nuova esposizione. La pelle infatti ha bisogno di tempo per rigenerarsi da qualsiasi scottatura causata dall’abbronzatura.

Acqua

La pelle come sappiamo ha bisogno di acqua per essere idratata. Per questo motivo si consiglia di bere molta acqua non solo quando ne sentiamo la necessità, ma soprattutto durante tutto l’arco della giornata. Proprio come la crema idratante, l’acqua reidrata la pelle rendendola più sana.

I 6 health blogger da seguire quest’anno

Credits: welltolondon.com

Non si può più negarlo: gli health blog, cioè i blog dedicati a salute e benessere, sono all’apice della loro diffusione. Se siete in cerca di ispirazioni per il vostro prossimo pasto o di suggerimenti per tenervi in forma tramite esercizi o diete, troverete sicuramente un blogger che non vi deluderà e che vi risulterà senz’altro utile nel raggiungimento del vostro obiettivo, qualsiasi esso sia. Per questo, ecco a voi una selezione dei sei più brillanti health blogger, che vi consigliamo di seguire quest’anno.

1. Green Kitchen Stories

Credits: Green Kitchen Stories
Credits: Green Kitchen Stories

Molto stiloso e sempre molto aggiornato, questo blog vi invita ad affacciarvi alla vita dedita al cibo di una famiglia di Copenaghen: David, Luise e la loro piccola Elsa. David è a capo di una rivista d’arte e Luise sta ancora studiando per diventare nutrizionista, perciò non è così inspiegabile che riescano a prestarsi alla lavorazione e all’elaborazione di piatti così belli, nutrienti e invitanti. C’è una grande varietà di ricette, a volte di cibi crudi, a volte di cotti, che comprendono una vasta gamma di ingredienti, ma la linea di riferimento è sempre vegetariana e spesso e volentieri ‘child-friendly’, con ottimi consigli per il regime alimentare da adottare con i bambini.

2. Twice The Health

Credits: Twice the Health
Credits: Twice the Health

Le due amiche di Londra Hannah ed Emily hanno messo su un blog per condividere i loro passi in avanti nel mondo del fitness, del cibo e della moda. Con la loro mentalità alla mano e il loro grande senso dell’umorismo riescono a trasmettere vibrazioni positive in ogni post pubblicato: è fantastico leggere di queste due ragazze che si godono il cibo e non nascondono mai di avere appetito. Ma non solo, perché si impegnano anche in grosse sfide come quelle di prepararsi per maratone e competizioni fisiche di altro genere. Le trovate sul loro omonimo sito, ma anche su Instagram e Twitter.

3. Nourishing Jessica

Credits: Nourishing Jessica
Credits: Nourishing Jessica

La didascalia per questo blog è “la gente che ama mangiare è la migliore”, un’opinione con cui non si può non essere d’accordo. Da seguire già soltanto per la straordinaria qualità delle fotografie, l’elegante sito di Jessica è di grande ispirazione: dopo aver scoperto di essere allergica ai latticini, la ragazza ha cominciato a interessarsi a cibi alternativi, concentrando la sua creatività sulle ricette a base di prodotti senza glutine, senza derivati del latte, senza zuccheri, senza tralasciare la paleodieta e il crudismo. Visitate il suo sito, o seguitela su Instagram e Twitter, non ve ne pentiere.

4. Chocolate Covered Katie

Credits: Chocolate Covered Katie
Credits: Chocolate Covered Katie

La nostra ispirazione in fatto di cibo spesso viene da molto lontano, e questo vale anche per Chocolate Covered Katie che però si è specializzata in dessert e dolci, soprattutto quelli più ricchi di calorie, come cookies e cheesecake. Farsi un giro sul suo sito equivale a farsi venire l’acquolina in bocca ad ogni click e, cosa anche più significativa, rimarrete sbalorditi di quanto meno caloriche sono le sue ricette rispetto alle originali: ogni post del suo blog, infatti, è accompagnato da accurate informazioni nutrizionali. Non perdetevelo.

5. Deliciously Ella

Credits: Deliciously Ella
Credits: Deliciously Ella

Non è certo una novellina, Deliciously Ella, ma non delude mai, né lo farà nel 2016. Dopo che le è stata diagnosticata una rara malattia che le impedisce di alzarsi dal letto e dopo aver scoperto che la medicina classica non sortiva alcun effetto su di lei, Ella ha eliminato dalla sua dieta carne, latticini, zucchero, glutine e tutti i cibi industriali, adottando invece una dieta a base di verdure. Con due pubblicazioni di libri di cucina, una fitta schiera di seguaci sui social e un progetto di aprire un’attività in proprio, Deliciously Ella vi catturerà, statene pur certi.

6. Indulging Innocently

Credits: Indulging Innocently
Credits: Indulging Innocently

In perfetto equilibrio tra la passione per la forma fisica e l’amore per i dolci, il blog di Pamela è la conferma che potete farvi una fetta di torta senza problemi. Tutte le sue ricette sono senza glutine, con particolare attenzione al contenuto di proteine, e includono anche una quantità notevole di dolciumi, come muffin, torte e anche pizze dolci. Assieme alle ricette, Pamela scrive anche le sue recensioni sui prodotti che utilizza per realizzare i suoi manicaretti: l’ideale per chi sta pensando di inserire nuovi e più sani ingredienti per realizzare le sue prelibatezze.

Rimanere in forma in estate senza troppa fatica è possibile

Credits photo essersani.it

Le palestre affollate si svuotano con l’arrivo della bella stagione.
Quel che fatto è fatto.
Ora è tempo d’estate e di relax, ma non solo la mente ha bisogno di tranquillità e calma,anche il corpo.
Quindi tra un tuffo al mare e un giro in città si poltrisce sul lettino o a letto, ed ecco la “panzetta” torna a fare capolino.

D’estate spesso va in vacanza anche la voglia di mantenersi in forma perchè il caldo rende più fiacchi mentre le prelibatezze estive come gelati e granite attentano la linea, più che in inverno.

Dopo mesi di regime alimentare corretto e tour de force in palestra come si può continuare, in modo semplice, anche d’estate il percorso verso la forma smagliante?

Ecco qualche consiglio utile per cercare di rimanere in forma in estate fra una doppia porzione di gelato e un babà.

Innanzitutto si deve praticare dell’esercizio fisico, almeno tre volte a settimana. Per i più allenati si va dai 40 minuti di nuoto ad una passeggiata veloce, dalla corsa al trekking. Q
Questo genere di attività terrà sotto controllo i grassi e renderà attivo ed efficiente il sistema cardiovascoalre e respiratorio.
Per i più pigri vanno bene 30 minuti di camminata veloce sia sul bagno asciuga che in mezzo al verde, o giocare con gli amici: beach volley, racchettoni, frisbee, corsette sulla spiaggia, passeggiate sul bagnasciuga e chi ne ha più ne metta.
Anche lo stretching fa bene al corpo, e rilassa la mente. E perchè no? Un bel corso di yoga o risveglio muscolare ogni mattina.

Per quanto riguarda l’alimentazione bisogna bere costantemente dell’acqua naturale durante la giornata: con il caldo il corpo espelle una grande quantità di liquidi, e la scarsa idratazione, oltre ad essere un pericolo per la salute, produce anche quell’effetto di “svuotamento” del muscolo che apparirà poco tonico.

Molto importante è assumere quantità giuste di frutta e verdura, che mantengono il bilancio idrico e danno un senso di sazietà, oltre al fatto che aiutano a moderare il consumo di carboidrati, proteine e grassi saturi.

Infine bisogna dormire almeno 7 ore così da notte aiuta il corretto funzionamento del metabolismo e ricarica le energie necessarie per la giornata.

D’ora in poi restare in forma non è un sacrificio in estate.

Il corpo, lo specchio delle emozioni

Dalla Finlandia arriva una ricerca che dimostra come il corpo sia lo specchio delle emozioni. Si tratta di “Body Atlas”, pubblicata nel “Proceedings of the National Academies of Sciences”: la ricerca individua i modi in cui l’emozioni, gli stati d’animo influenzano il nostro corpo.

Lo studio si è basato su 773 partecipanti di varie origini (taiwanesi, finlandesi e altri occidentali) e gli è stato chiesto di indicare le parti del corpo che a loro parere erano in attività mentre erano sottoposti alla visione di film, al ascolto di storie o parole.
Rosso per le parti intense, giallo per una sensazione crescente e blu per nessuna emozione. Ma gli autori dello studio ammettono che i risultati della loro ricerca potrebbero “riflettere un’associazione puramente concettuale tra conoscenze semantiche degli stereotipi basati sulla lingua e sensazioni emotive come le farfalle nello stomaco”. Sostengono inoltre che le loro risposte suggeriscono un’universalità culturale dell’influenza delle emozioni sul nostro corpo.

Quindi nulla di certo.

Quello che si sa è che i pensieri e le emozioni si scaricano immediatamente sul corpo. La prima struttura fisica a manifestarli è la muscolatura e quando gli stati d’animo diventano permanenti, essi creano irrigidimenti muscolari cronici che modificano stabilmente la nostra forma corporea, basti pensare a come cambia la mimica facciale durante uno stadio di gioia incontenibile, e viceversa nel bel mezzo di un pianto isterico.

Il corpo diviene così la valvola di sfogo primaria per le emozioni.

Qualche esempio?

Uno stato d’ansia può provocare forti dolori alla bocca dello stomaco, capogiri o ancora nausea;

Il corpo, lo specchio delle emozioni

Uno stato d’animo di depressione può provocare una sensazione “annullante” in quanto è come se il corpo non provasse più alcun sentimento;

La rabbia invece si scarica su fegato e cistifellea creando tensioni alle vie biliari, e in estremo può portare fino alla formazione di calcoli, a tutto questo si aggiunge l’effetto dello stress sul cuore e sulla pressione arteriosa.

E ancora, l’eccessiva insofferenza ed intolleranza fanno accumulare forti tensioni che, se non sfogate, possono liberarsi scatenando il sistema immunitario contro pollini e alimenti, creando varie tipologie di allergie. E a leggere ciò si capisce come questo mondo sia insofferente se si pensa a quante persone siano soggetti allergici.

Ed i piccoli incidenti come le cadute che causano traumi e fratture? Anche queste sono il riflesso di stati d’animo eccessivi, spesso, infatti, non sono casuali ma il risultato di periodi di eccessiva stanchezza, dove si è obbligati a riposare per forza. Oppure esprimono un tentativo inconscio di ricevere affetto ed attenzioni dalle persone a cui si vuole bene e con le quali non si riesce a comunicare.

Da questi piccoli esempi si capisce come la malattia può addirittura diventare, anche inconsciamente, un modo per difenderci dalle pretese e dall’aggressività degli altri, o per venire meglio accettati: tutti sono infatti più disponibili e tolleranti di fronte ad un malato.

Si potrebbe continuare a lungo con la lista dei sentimenti ed emozioni, ma già è chiaro che, per mantenersi in buona salute è assolutamente indispensabile una profonda serenità con se stessi e con il mondo.

Insomma, se il corpo è il templio dell’anima, dello spirito, per far sì che questo goda di benessere è necessario sfogare le proprie emozioni e cercare la serenità dentro e fuori il proprio templio.