Capelli

Home Beauty Capelli
Tendenze, tagli e styling. Tutto quello che c'e da sapere sui capelli

Frangia: copia il look delle star di tutto il mondo (FOTO)

Si sa, gli ultimi trend in fatto di trucco e parrucco arrivano sempre dalle passerelle o dai jet set più famosi. Basta guardare le ultime sfilate per accorgersi come la frangia sia un dettaglio che negli anni non è mai tramontato: ringiovanisce e rende dolci i lineamenti del nostro viso. Questa acconciatura, se così possiamo definirla, esercita una grande forza d’attrazione per tutto il pubblico femminile. Ma ci sbagliamo a pensare che sia una moda di questi ultimi decenni: tutto ebbe inizio con Brigitte Bardot, Haudrey Hepburn e Jane Birkin.


Le star di oggi, invece, che frangia ci suggeriscono? Ecco che allora la lista si allunga: dalla frangia sfilata come quella portata da Jennifer Laurence a quella leggermente aperta al centro come quella di Alexa Chung fino alla new entry (in questione di frangia) Beyoncé che è apparsa alle sfilate di Parigi con una frangia cortissima, in perfetto stile Bettie Page, la pin up che lanciò la tendenza negli Stati Uniti.

Le regole per chi desidera darci un taglio sono poche. Il viso quadrato sta bene con una frangia irregolare che lascia libere le tempie e alleggerisce i lineamenti. Per il viso ovale sono perfette quasi tutte le frange: grafica e drittissima, la variante più corta al centro, ma anche scalata verso l’esterno in modo tale che si formi una naturale apertura nel mezzo. Per chi ha il viso tondo è meglio una frangia caratterizzata da una parte centrale più lunga rispetto alle ciocche laterali o una frangia corta, molto amata sulle passerelle.

E voi, quale diva volete imitare?

Lavare i capelli senza shampoo

ebay.co.uk

Da un pò di tempo a questa parte si sente sempre più parlare di ritorno al non-shampoo, “no poo” appunto, come è stato ribattezzato negli Stati Uniti. Sempre più persone, soprattutto le donne, sperimentano questi metodi alternativi per lavarsi i capelli, ritenendosi soddisfatti. Se non si vuole rinunciare del tutto all’uso dello shampoo, è bene utilizzare, qualche volta al mese, uno dei metodi di lavaggio dei capelli senza shampoo, per offrire loro una breve vacanza priva di additivi artificiali.

Il metodo “no poo” prevede l’utilizzo del bicarbonato di sodio (un cucchiaio) con una tazza d’acqua calda, in modo da formare una cremina, con la consistenza di uno shampoo normale, l’acqua può anche essere sostituita con infuso di rosmarino. Nel risciacquo si aggiunge l’aceto di mele (due cucchiai) all’acqua, sempre una tazza, per bilanciare l’acidità naturale dei capelli. Per finire si consiglia di mescolare del succo di limone a un uguale quantità di balsamo e risciacquare.

Due blogger statunitensi, Margaret Badore e Katherine Martinko, hanno sperimentato il metodo per venti giorni, ottenendo risultati ottimi. “Il bicarbonato ha fatto un favoloso lavoro di pulizia dei miei capelli, erano splendenti, sgrassati. Quando usavo lo shampoo avevo una palla di capelli ricci molto più grande, ora sono molto più facilmente trattabili“, ha commentato Katherine.

Secondo i sostenitori del metodo no poo i capelli diventano grassi dopo un certo tempo dall’ultimo lavaggio a causa di un circolo vizioso dovuto proprio ai prodotti utilizzati. Più si lavano i capelli, più viene alterata la giusta quantità di sebo che deve avvolgerli, il metodo propone, infatti, di lavare i capelli con meno frequenza.

È necessario un periodo di adattamento agli shampoo senza solfati di 2-3 settimane, nel quale i capelli possono diventare crespi o unti, ma alla fine si apprezzeranno i miglioramenti di questo cambio di abitudine. Durante questo periodo si consiglia di raccogliere i capelli in trecce, un’acconciatura che protegge la salute dei capelli.

C’è anche, però, chi critica la basicità del bicarbonato, che a lungo andare può rovinare i capelli, massaggiare i capelli prima dello shampoo con dell’olio di cocco o l’uso di gel di aloe e bicarbonato sembra essere una valida alternativa. Con il metodo no poo, lo shampoo lo si può usare una volta al mese, o anche meno, contribuendo anche a ridurre l’inquinamento causato dalle boccette di plastica vuote che lo contengono.

Pro e contro dell’avere i capelli corti (FOTO)

Credits: dgmag.it

Capelli lunghi, mossi o ricci? Con l’estate appena arrivata, sfoggiare un taglio corto sembra l’unica opzione possibile per le donne che vogliono stare fresche senza avere il problema di legarli. Tuttavia mantenerli sempre perfetti non è facile: basta un colpo di vento e si scompigliano, e se poi ci stanchiamo? Bisogna attendere mesi per farli ricrescere. Il bello, però, è con il caldo non soffriamo eccessivamente e possiamo giocare su mille look diversi. E all’uomo piace la donna con i capelli corti perché risalta il viso. Prendete Audrey Hepburn, l’icona di eleganza, che con il suo caschetto ha fatto sognare un’epoca.
I capelli corti sono così: li si ama o li si odia. Vediamo insieme i pro e i contro dell’avere i capelli corti.

Pro

Praticità

Credits: www.jeanlouisdavid.it
Credits: www.jeanlouisdavid.it

Si asciugano in un lampo: bastano cinque minuti di phon e poi potete mettervi al sole e lasciare che si asciughino da soli. Sono semplici da sistemare e non bisogna curarli eccessivamente.

Mettono in risalto il viso

Credits: fashionblog.it
Credits: fashionblog.it

I capelli corti sono indicati per chi ha un viso piccolo e magrolino perché mette in risalto i lineamenti del volto, ma sopratutto gli occhi.

Sensualità

Alcuni uomini trovano i capelli corti estremamente sexy. Non solo perché mostrano il nostro viso senza alcun imbarazzo, ma perché il taglio corto è anche simbolo di sicurezza. E agli uomini piace vedere una donna sicura di sé e del suo fascino.

Hanno tanti tagli diversi

I più in voga sono il caschetto e il pixie. Il primo riequilibra le proporzioni del viso, e ad Emma Stone (dagli occhi grandi) sta benissimo, mentre il secondo è indicato solo se avete un viso piccolino (guardate il taglio di Lily Collins), con una fronte non troppo pronunciata, perché scopre del tutto il volto. Se volete osare, provate ad aggiungere un look punk con una frangia versatile, come il taglio di Scarlett Johansson. Come vedete, possiamo sperimentare tante cose con i capelli corti.

Sono il look del momento

Le star giocano con il taglio corto. Capelli sbarazzini, ciuffi ribelli. Saranno questi alcuni dei motivi per cui è diventato un must quest’anno?

Contro

Non è un taglio per tutti

Credits: www.molisenetwork.net
Credits: www.molisenetwork.net

Il problema è che se avete un volto paffutello, il taglio corto non fa altro che ingrassarvi di più. Questa è la dura verità.

Il ciuffo ribelle

Credits: sologossip.it
Credits: sologossip.it

E poi capita quelle mattine in cui vi svegliate e scoprite che alcune ciocche non sono al loro posto. Come sistemarle? Gel e phon non sembrano aiutare e quindi vi tocca tenere quel ciuffo ribelle per tutta la mattinata, sperando si abbassi da solo.

Addio acconciature

Credits: www.hairadvisor.com
Credits: www.hairadvisor.com

Tenete presente che i capelli corti non vi permetteranno di fare alcune acconciature tipiche del taglio lungo: addio boccoli ad esempio o capelli mossi. Per questo è importante pensare bene prima di decidere di optare per il taglio corto.

E se avete rimpianti?

Credits: donna.nanopress.it
Credits: donna.nanopress.it

Prima di tagliare pensate: è la decisione giusta? Volete davvero apportare questo cambiamento nel vostro aspetto? Perché i capelli per una donna sono importanti, e decidere di tagliarli, eliminando il ‘superfluo’ indica che volete dare un taglio alla vostra vita precedente. Ricordate che se poi ve ne pentite, dovrete attendere mesi prima che vi ricrescano.

Colore: la nuova tendenza è lo Strobing Hair (FOTO)

www.marieclaire.co.uk

Sono anni che cerco di resistere alle nuove tendenze in fatto di capelli. Il risultato? Ho gli stessi capelli di quando avevo 12 anni: zero tinte, zero tagli innovativi, zero acconciature particolari. Fiera del mio conservatorismo porto i capelli alla Giglio Tigrato con la riga centrale da che mi conosco, anche se la voglia di scoprire le novità stagionali non mi abbandona mai. Ho sempre desiderato di schiarirmi la parrucca, ma qualcosa nei risultati che vedevo addosso a tutte le altre mi ha sempre bloccata.

Abbiamo assistito ad un’ondata di shatush più potente dei basettoni ai tempi di John Lennon, potendo ricordare risultati decenti solo sulle teste viste in passerella. Perché, diciamocelo, la maggior parte delle brune shatushate si è ritrovata con i capelli color babà napoletano, più simili alle capigliature rom che allo nobile tecnica inventata da Coppola. È stata poi la volta del balayage, del degradè e del bronde, nati anch’essi dalla voglia di sole e di lunghezze più chiare.

Ma come capita in tutti i campi la moda dei capelli cambia in continuazione, rinnovandosi sia per quanto riguarda i prodotti che i metodi di applicazione. L’ultima tecnica nata nei saloni più innovativi al mondo è quella dello strobing hair, che pare terrà banco per tutto il 2016. Esso si ispira alle recenti metodologie usate per truccare il viso, ovvero il contouring: la sua base, infatti, è lo studio del viso, dei suoi punti di forza e di quelli deboli.
Se il contouring si basa sul gioco di ombre, lo strobing hair utilizza un gioco di luci per illuminare strategicamente alcune zone della testa.


L’effetto è ‘stroboscopico’, ovvero consente di ottenere un tono più chiaro e luminoso spennellando con delicatezza i capelli con una sostanza decolorante. In questo modo vengono creati dei riflessi all’apparenza molto naturali, ma collocati nei punti specifici in cui il il sole (in teoria) andrebbe a schiarire.
Ovviamente, esattamente come shatush e balayage, lo strobing è ideale per le capigliature già chiare e tendenti alla tonalità cenere: in questo caso infatti l’highlighing si manifesta in tutto il suo splendore.

Moltissime bellezze dello showbiz hanno sfoggiato capigliature trattate con lo strobing, come l’icona Cara Delevigne, la nuova supertop Gigi Hadid e Salma Hayek che ha deciso di schiarire le suo chiome scurissime.