Viso & Corpo

Home Beauty Viso & Corpo Pagina 3
Consigli e segreti per la cura del viso e del corpo

Olio di monoi, prezioso per corpo e capelli

olio di monoi

Olio di monoi: protagonista dell’estate e prezioso per corpo e capelli, ma ideale da usare tutto l’anno.

Protegge, favorisce l’abbronzatura e idrata ecco le principali potenzialità di quest’olio, essendo ricco di vitamina E ed acidi grassi.

Da dove ha origine quest’olio? Dalla Gardenia Tahitensis molto diffusa a Tahiti. Sovente al monoi si aggiunge anche olio di cocco.

Olio di monoi: le proprietà

Vediamo le proprietà di quest’olio esotico:

  • equilibra e ripara pelle e capelli dai danni degli agenti atmosferici
  • protegge dai danni della salsedine e del cloro
  • idrata profondamente la pelle
  • allevia irritazioni e pruriti locali specialmente nel cuoio capelluto
  • antiage perché riduce la comparsa dei segni dell’invecchiamento

Olio di monoi: come usarlo

Sui capelli si può spalmare sia che siano essi asciutto o umidi, si massaggia delicatamente e si risciacqua. Volendo si può fare una maschera, basta stenderlo sulla chioma 30 minuti prima dello shampoo, coprire con la pellicola e poi attendere quindi procedere con il normale lavaggio, noterete i capelli più morbidi e disciplinati oltre che lucenti.

Sulla pelle è utile dopo la doccia o anche la sera prima di andare a dormire. Lo si può aggiungere ad uno scrub o ad un impacco per il corpo.

Bene nelle maschere per il viso, sia per pelli secche che per pelli mature, ci si può abbinare della frutta o del cetriolo, oli essenziali, farina di riso e di argilla. Bene anche come struccante o la mattina dopo la detersione del viso.

Ottimo da stendere sulle smagliature per aiutare a ridurle.

Ricetta per fare l’olio di monoi in casa

occorrente: olio di cocco puro, fiori di gardenia, vaso di vetro.

Pulire i fiori di gardenia senza bagnarli e porli all’interno del vaso di vetro. Lasciarli esposti alla luce per almeno un mese, agitando regolarmente il vaso. Quindi filtrare e trasferire in una bottiglietta pulita.

Victoria Beckham lancia una nuova linea di smalti

aishtiblog.com

Victoria Beckham non smette di stupire: ex spice girl, fashion designer, moglie di David Beckham e mamma di quattro bambini. Il 2014 è stato un altro anno di grande successo professionale per una delle donne più invidiate al mondo: ha recentemente vinto il Best Designer Brand durante il British Fashion Awards 2014.

E ora Victoria Beckham lancia una limided edition di smalti assieme al marchio Nails Inc. Sono solo due le tonalità previste per la nuova linea: il Judo Red, un rosso scarlatto classico e sensuale, e il Bamboo White, una tinta neutra.

Credits photo styledemocracy.com
Credits photo styledemocracy.com

Il prodotto è formulato con estratti di bambù per aiutare l’unghia a crescere sana. Inoltre il pennellino è stato appositamente studiato per consentirgli di scivolare sull’unghia aderendoci perfettamente e ritornare alla sua forma originale una volta terminata la pennellata. Il tutto per assicurare un’applicazione liscia e una finitura impeccabile.

Anche il packaging non poteva essere trascurato, da un’icona della moda come Victoria Beckham. La collezione è stata progettata dal famoso direttore creativo Fabien Baron ed è stata personalizzata da Victoria Beckham per questa occasione. Ogni boccetta di smalto è realizzata in vetro veneziano e lascia aperta una finestrella a lato, da cui si intravede il colore dello smalto. Il colore delle boccette è disponibile in due varianti: bianco o nero opaco.

La linea è disponibile online sul sito nailsinc.com a partire da lunedì 8 dicembre, mentre per acquistarla nei negozi bisognerà aspettare febbraio del 2015. Il costo di una boccetta è di 25 sterline, circa 32 euro, mentre se si compra la confezione con entrambi i colori il prezzo è di 45 sterline, circa 57 euro.

Un richiamo al minimalismo, un tocco chic e di classe per questa collezione limited edition, che si prevede sarà molto richiesta. Victoria Beckham ha così segnato la sua definitiva entrata nel mondo beauty. E mentre Victoria afferma che le piacerebbe cimentarsi maggiormente con questa nicchia di mercato, noi aspettiamo di provare i nuovi smalti e attendiamo la sua prossima incursione nel mondo della moda.

Chirurgia plastica: sono questi i 7 trend del 2016

Credit: marieclaire.it

Le richieste di chirurgia plastica per il 2016 si baseranno soprattutto sui trattamenti poco invasivi utilizzati per rendere l’effetto finale più naturale possibile.
È stato anche aggiunto che oltre all’eliminazione degli eccessi saranno previsti tempi di recupero molto brevi per chi decide di sottoporsi ad essi.

Ecco qui i 7 trend per l’anno appena cominciato.

1. Si registrerà un’ascesa della medicina estetica, non solo quest’anno ma anche il prossimo. A crescere saranno sia il botulino sia i filler.
La tossina botulinica permette di ridurre le rughe nella parte superiore del volto.
Tra le novità c’è lo smart botulino, una tecnica che permette di vedere i risultati subito dopo il trattamento, senza aspettare troppo a lungo, mentre per quanto riguarda i filler, utilizzati sempre sul volto per spianare le rughe o per dare volume alle labbra, arrivano quelli di lunga durata: si allungano i tempi di durata dell’effetto, che arriva fino a diciotto mesi, rendendo necessario circa una volta l’anno.

2. Probabilmente verso la fine dell’anno, arriverà sul mercato europeo una new entry approvata negli Stati Uniti, ossia il farmaco sciogli-grasso Kybella che permette, con una semplice iniezione, di eliminare il grasso in eccesso: è una novità che apporterà una grande rivoluzione nel settore.

3. È previsto anche un aumento dei trattamenti chirurgici con risultati a lungo termine o addirittura permanenti, dato che grazie alle nuove tecniche che riducono notevolmente la ripresa post operatoria, garantendo un recupero veloce ed indolore, primo tra tutti l’intervento di mastoplastica utilizzato per l’aumento del seno.

4. I fili di trazione super utilizzati già nell’anno appena trascorso per ringiovanire la pelle del viso continueranno ad avere successo anche nel 2016, anche se per pelli molto invecchiate l’unica soluzione per ottenere risultati apprezzabili per viso e collo è il lifting.

5. Questo trend riguarda gli uomini, che decidono sempre di più di affidarsi alle mani del chirurgo estetico continueranno a farlo poiché vogliono sentirsi meglio con se stessi ed essere sempre più competitivi nell’ambito lavorativo.

6. Questa volta parliamo del trattamento per il quale è previsto il maggior aumento di utilizzo: quello che crescerà di più nel 2016 sarà molto probabilmente il lipofilling, che è una tecnica grazie alla quale è consentito effettuare il trapianto del proprio grasso dalle zone dove è più abbondante (cosce, pancia ecc) al viso o altre parti del corpo. In questo modo si va a compensare la presenza della perdita di volume nelle zone in cui sarebbe gradito, eliminando nello stesso tempo il grasso in eccesso o meglio spostandolo nelle zone prescelte.

7. Infine sarà super richiestissimo l’aumento dei glutei, così come aumenteranno gli interventi di chirurgia intima per il cambio sesso, molto richiesto soprattutto nelle donne.

Chirurgia estetica, richiesta una formazione specifica per le tecniche base

Filler, lifting, trapianto di capelli, ma anche interventi di chirurgia estetica al naso, al seno, ai glutei: quanti non hanno almeno un’amico che abbia fatto ricorso ad una di queste tecniche?

La chirurgia estetica ha un margine di operatività sempre più ampio, così come sempre più richiesto è il suo intervento. Necessita dunque di figure specializzate per correggere i difetti o, in alcuni casi, ricercare la perfezione.

Così nove medici su dieci, in Inghilterra, pretendono che quelle figure siano davvero preparate a intervenire, dichiarando che la semplice formazione NHS sia inadeguata anche per le pratiche più comuni: circa un terzo dei medici ha affermato che i chirurghi dovrebbero seguire una formazione di almeno tre mesi prima di iniettare filler cosmetici e Botox. Stesso discorso per il l trattamento laser per l’acne, il ringiovanimento della pelle e la rimozione dei capelli.

Cosa ne pensano i pazienti? Raddoppiano i tempi di formazione proposti dai medici, dichiarando di pretendere una preparazione di almeno sei mesi per le pratiche suddette. E la British Association of Aesthetic Plastic Surgeons e il British College of Aesthetic Medicine stanno compilando un registro volontario dei praticanti di chirurgia estetica, accuratamente controllati dai medici prima di essere accreditati, in modo che i pazienti possano avere fiducia nella scelta di una clinica.

L’immagine di una persona, lo vediamo ogni giorno, può influire positivamente o negativamente sulla sua vita. Affidarla a persone consapevoli, competenti e allenate, è un diritto.