L'amore precario

Home Costume & Società L'amore precario Pagina 6

Le peggiori scuse per lasciarsi (FOTO)

photo credits: huffington post

Rompere con il proprio partner e lasciarsi non è una cosa semplice, soprattutto se la motivazione suona talmente assurda da sembrare una scusa.
Molti ricorderanno le prime cotte ed i primi amori adolescenziali che sono spesso caratterizzati da immaturità e senso di inadeguatezza, classici di quell’età. Altri, purtroppo, tendono a ricevere due di picche banali e privi di senso logico anche in età matura, quando dovremmo essere più responsabili e rispettosi nei confronti degli altri.

Il social network Reddit ha raccolto alcune testimonianze degli utenti che si sono trovati a frequentare e successivamente rompere con persone che hanno utilizzato motivazioni sconvolgenti per lasciarsi.
Andiamo a vederle e commentarle. Noi di Blog di Lifestyle, però, non abbiamo ancora deciso se suscitano più risate o sconcerto.

Chi è il prossimo?

photo credits: saysomethingsarcastic
photo credits: saysomethingsarcastic

“Ok, è passato un anno adesso. Ho voglia di provare qualcosa di diverso”. Ovviamente, tutto ciò è stato rivelato durante il giorno del primo anniversario di fidanzamento. Che originalità.

Troppi soldi

photo credits: fidelityhouse
photo credits: fidelityhouse

“Mi ha detto che non poteva frequentare una persona che guadagnava più soldi di lui.” Troppo onesto per i nostri gusti.

Perfezione

photo credits: foxnews
photo credits: foxnews

“Sei troppo perfetta.” Incommentabile.

Questione di cibo

photo credits: fvvs
photo credits: fvvs

Quest’utente, invece, racconta di essere stato lasciato dalla sua ragazza perché era solito comprarle il pranzo tutti i giorni. Nel momento in cui le ha comunicato di non potergli più offrire il pasto la loro storia è finita. Lei, ovviamente, ha confessato di frequentarlo solo per questioni di cibo.

Ospedale

photo credits: wired
photo credits: wired

“L’ospedale dove sono stata ricoverata era troppo lontano da casa sua e non voleva sembrare così cattivo da non venirmi a trovare.”
Così l’ha lasciata ed il problema è stato risolto, semplice no?

No alla democrazia

photo credits: parentingteen
photo credits: parentingteen

“Ho rotto con una ragazza perché è democratica”. Ah queste ragazze di oggi, decisamente troppo libertine.

E voi cosa ne pensate? Raccontateci le vostre esperienze.

La birra è meglio del viagra

Gli amanti della birra saranno molto felici di ascoltare questa notizia: chi beve regolarmente può “migliorare le sue prestazioni sessuali”. Sì, proprio così. Secondo il sessuologo Kat Van Kirk la birra offre quattro conseguenze positive per gli uomini.

Innanzitutto, bere un paio di birre può ridurre il rischio di eiaculazione precoce grazie all’azione dei fitoestrogeni. Le birre scure, in particolare, avrebbero un effetto afrodisiaco favorendo l’aumento della libido e garantendo erezioni più lunghe. Le “darker beers”, infatti, contengono una quantità maggiore di ferro, determinante per la produzione di emoglobina, con conseguente miglioramento della circolazione. Il terzo effetto positivo è certificato dall’European Journal of Epidemiology. Il 31% dei moderati consumatori di birra, secondo un’indagine, rispetto agli astemi deve fare i conti con rischi minori di malattie cardiovascolari. Per chiudere, tornando alle valutazioni del dottor Van Kirk, attenzione ai probiotici e alla vitamina B contenuti nella birra: contribuiscono a migliorare nel complesso la salute dell’individuo e a garantire in particolare il benessere dello stomaco.

La birra, quindi, è meglio del viagra. Non cosa molto, è buona, è piacevole gustarla in compagnia, con un panino e delle patatine calde, e porta dei super effetti positivi alle prestazioni sessuali degli uomini. Ve lo sareste mai immaginato?

Relazioni “altalenanti”: otto incredibili vantaggi (FOTO)

credits: http://blog.pianetadonna.it/

Le relazioni “tira e molla” non hanno mai goduto di una buona reputazione.
Chiunque abbia vissuto un amore così non fa che sconsigliare agli altri di cadere nella stessa trappola. Sembra quasi una dipendenza, un circolo vizioso dal quale è impossibile uscire.

Chi ci è passato sa perfettamente che non è affatto piacevole non poter assaporare la tranquillità e la sicurezza di cui godono le relazioni normali. La paura che vada come tutte le altre volte è sempre dietro l’angolo.
Per non parlare del dolore e del senso di fallimento che si prova ogni volta che ci si lascia, anche se si è consapevoli che non sia quella definitiva.

La psicologia, inoltre, ha confermato che le relazioni che iniziano così andranno sempre allo stesso modo, senza poter mai arrivare ad un rapporto stabile.
Sembra proprio che non ci sia nulla di positivo per le sfortunate coppie che subiscono questo destino, ma contrariamente a ciò che si crede, non è così. Le storie vissute tra addii e riconciliazioni hanno, invece, molti aspetti positivi.
Vediamoli:

1. Ci si conosce già

In una relazione di “tira e molla” entrambi conoscono già tutto l’uno dell’altra. Non c’è più l’imbarazzo delle prime uscite, la preoccupazione (soprattutto delle donne) di essere sempre bellissime e in perfetto ordine. Potete stare tranquille, il vostro ex vi ha già viste struccate, in pigiama e anche appena sveglie. C’è più intimità e non c’è il rischio di non sentirsi a proprio agio.
Inoltre, contrariamente a ciò che si pensa, non c’è nulla di scontato in questo. Non è bello solamente conquistare, ma forse, ancora di più saper riconquistare la persona che si ama. Ogni volta può essere una nuova scoperta.

2. Gli aspetti negativi del carattere li avete già conosciuti

Dopo le innumerevoli litigate della volta precedente avete già visto l’altro dare il peggio di sè. Al prossimo litigio, quindi, non ci saranno sorprese. Conoscete i vostri limiti e i vostri punti di forza e saprete ripartire da capo.

3. Ci si supporta di fronte agli altri

Lascialo perdere“, “non cambierà mai“, “andrà allo stesso modo di sempre“. Quante volte avete sentito queste parole? Gli amici e la famiglia sono anche più stufi di voi riguardo i vostri innumerevoli “tira e molla” e fanno di tutto per non farvi “ricascare” di nuovo in questa situazione. Ma, da veri testardi, decidete comunque di riprovarci e vi spalleggiate a vicenda contro i pareri degli altri.

4. Sapete meglio di chiunque altro che l’amore non basta

Gli aspetti più pratici e apparentemente più banali non devono essere sottovalutati. Spesso infatti si litiga e ci si lascia per un motivo che può sembrare stupido. L’amore non è solamente baci e carezze ma anche impegno. Bisogna collaborare e lavorare insieme affinchè le cose vadano finalmente per il verso giusto.

5. Non vi siete scoraggiati

Le persone che hanno questo tipo di relazione sono persone forti, che non si arrendono nemmeno quando tutto sembra perduto. Si resta separati per un periodo di tempo e, quando ci si sente di nuovo pronti, ci si ritrova più innamorati di prima.

6. Sapete gestire meglio le discussioni

Aver vissuto un forte dolore non può che far bene. Se tutto fosse sempre rosa e fiori non ci sarebbe più gusto e non impareremmo mai cosa significa davvero soffrire. Le relazioni più belle e più costruttive sono quelle dove non mancano gli scontri e le discussioni. Sono rapporti decisamente più passionali e di certo non si corre il rischio di annoiarsi.
In fondo come dice il detto? “L’amore non è bello se non è litigarello!

credits: http://www.psicologi-italia.it
credits: http://www.psicologi-italia.it

7. Aiuta a capire quanto sia importante impegnarsi

Dopo una lunga storia altalenante arriva, prima o poi, la voglia di provare ad impegnarsi davvero.
Ed ecco che si comincia a fare sul serio, in modo che le cose vadano finalmente per il verso giusto. Il senso di sicurezza e di stabilità conquisterà anche gli animi più ribelli.

8. Se avete deciso di tornare insieme un motivo ci sarà

Non si riallaccia un rapporto se non si è più innamorati. Ci sono coppie che una volta che si lasciano non si cercano più. Se si sceglie di riprovarci ogni volta, invece, vuol dire che non si vuole rinunciare alla speranza di un futuro migliore.
Inutile negarlo: se ci si ritrova vuol dire che in realtà non ci si è mai persi del tutto.

credits: http://coppia.pourfemme.it/
credits: http://coppia.pourfemme.it/

[credits: http://www.huffingtonpost.it/]

Perché per amare bisogna scegliersi?

photo credits: tinamannelli

Ci siamo sentiti ripetere, milioni di volte, che per donare amore agli altri bisogna prima imparare ad amare un po’ la persona che siamo .
Nessuno mai ci ha spiegato, però, che una volta iniziata la love story con noi stessi dobbiamo coltivarlo e conservarlo per sempre questo modo di amare.
La storia d’amore con noi stessi ed un’altra eventuale storia, o infatuazione, o situazione precaria che sia è l’unica doppia relazione nella vita da cui possiamo trarre un vero vantaggio. Perché?
Perché continuare a sceglierci e decidere ciò che ci fa stare veramente bene, fa stare bene anche chi abbiamo accanto e ci insegna anche ad amare.

Non ci si ama solo e soltanto nella fase della vita in cui siamo un cocktail di ormoni, adrenalina e nessuna voglia di legarsi. Ci si ama quando ci arrendiamo all’amore, quando smussiamo i nostri lati più spigolosi e ci veniamo incontro in maniera equa.
Quando conserviamo il nostro carattere, il nostro modo di essere e la nostra dignità pur dovendo scendere a patti.
Ci amiamo quando sappiamo dire all’altro che questo sabato sera proprio non avete voglia di uscire perché la vostra sindrome premestruale è dietro l’angolo e avete già deciso di infilarvi il pigiama e guardare tutti gli episodi arretrati della vostra serie tv preferita.
Ci amiamo quando coltiviamo interessi sempre nuovi, quando sogniamo in maniera variegata e ci lasciamo incuriosire da nuovi orizzonti. Perché solo in questa maniera verranno a crearsi nuovi stimoli da condividere con la persona che vogliamo amare e ci mostreremo all’altro in prospettive diverse ed accattivanti.
Ci amiamo quando diamo il massimo a livello lavorativo e scolastico, quando sfruttiamo le occasioni che ci vengono propinate, suggerite e mostrate. Quando non ci lasciamo andare alla pigrizia e ci lasciamo pervadere dalla volontà. Perché solamente in quella maniera otterremo ciò che vogliamo davvero e di conseguenza ci sentiremo meno frustrati, più gioiosi e desiderosi di coinvolgere chi amiamo nella nostra vita.
Può essere un percorso difficile e faticoso, pieno di ostacoli e di prese di coraggio. Ma il risultato sarà sconvolgente e semplice allo stesso tempo, perché: amando noi stessi veramente ci vedremo ripagati di un amore vero.