L'amore precario

Home Costume & Società L'amore precario

Le peggiori scuse per lasciarsi (FOTO)

photo credits: huffington post

Rompere con il proprio partner e lasciarsi non è una cosa semplice, soprattutto se la motivazione suona talmente assurda da sembrare una scusa.
Molti ricorderanno le prime cotte ed i primi amori adolescenziali che sono spesso caratterizzati da immaturità e senso di inadeguatezza, classici di quell’età. Altri, purtroppo, tendono a ricevere due di picche banali e privi di senso logico anche in età matura, quando dovremmo essere più responsabili e rispettosi nei confronti degli altri.

Il social network Reddit ha raccolto alcune testimonianze degli utenti che si sono trovati a frequentare e successivamente rompere con persone che hanno utilizzato motivazioni sconvolgenti per lasciarsi.
Andiamo a vederle e commentarle. Noi di Blog di Lifestyle, però, non abbiamo ancora deciso se suscitano più risate o sconcerto.

Chi è il prossimo?

photo credits: saysomethingsarcastic
photo credits: saysomethingsarcastic

“Ok, è passato un anno adesso. Ho voglia di provare qualcosa di diverso”. Ovviamente, tutto ciò è stato rivelato durante il giorno del primo anniversario di fidanzamento. Che originalità.

Troppi soldi

photo credits: fidelityhouse
photo credits: fidelityhouse

“Mi ha detto che non poteva frequentare una persona che guadagnava più soldi di lui.” Troppo onesto per i nostri gusti.

Perfezione

photo credits: foxnews
photo credits: foxnews

“Sei troppo perfetta.” Incommentabile.

Questione di cibo

photo credits: fvvs
photo credits: fvvs

Quest’utente, invece, racconta di essere stato lasciato dalla sua ragazza perché era solito comprarle il pranzo tutti i giorni. Nel momento in cui le ha comunicato di non potergli più offrire il pasto la loro storia è finita. Lei, ovviamente, ha confessato di frequentarlo solo per questioni di cibo.

Ospedale

photo credits: wired
photo credits: wired

“L’ospedale dove sono stata ricoverata era troppo lontano da casa sua e non voleva sembrare così cattivo da non venirmi a trovare.”
Così l’ha lasciata ed il problema è stato risolto, semplice no?

No alla democrazia

photo credits: parentingteen
photo credits: parentingteen

“Ho rotto con una ragazza perché è democratica”. Ah queste ragazze di oggi, decisamente troppo libertine.

E voi cosa ne pensate? Raccontateci le vostre esperienze.

Come sorprendere il vostro ragazzo a San Valentino

Manca pochissimo a San Valentino, ormai, e il panico da “regalo” comincia a salire. Zero idee, sempre le solite cose: è ora id cambiare. Il 14 febbraio è una data come tante altre, in realtà, ma sì sa, noi eterne romantiche abbiamo sempre qualcosa in serbo per i nostri uomini. Anche nella festa che loro odiano di più.

Come fare per sorprendere il vostro ragazzo a San Valentino? Niente banalità, viva l’originalità:

Completino sexy

Eh già, anche l’occhio vuole la sua parte: perché non presentarsi con un bel completino sexy nuovo di zecca? Il pizzo va sempre bene, magari nero o rosso.

Autista, al suo servizio

Trattatelo da re: andatelo a prendere con la macchina, da “veri uomini e gentiluomini”: un giro in centro, magari al parco, lo portate al bar per un caffè, e mi raccomando, apritegli la portiera.

Concerto

Perché on regalargli i biglietti per quel concerto a cui sogna da sempre di andare?

Sorpresa sotto casa

Torna tardi dal lavoro? È impegnato e non se l’aspetta? Bene, perché non fargli una sorpresa magari presentandosi sotto casa sua, o sul posto di lavoro o in stazione?

Cioccolatini

Ma chi l’ha detto che debbano essere solo gli uomini a regalare cioccolatini?

I baci più belli del 2015 (FOTO)

Credits: vanityfair.it

Dicembre è il mese in cui ognuno di noi tira le somme dell’anno passato, ricordando ciò che di bello (o di brutto) è successo e facendo progetti per l’anno che sarà.

Il 2015 è stato pieno di eventi terribili. Attentati terroristici, la crisi sempre più soffocante, la disoccupazione, le migliaia di vite perse nel Mediterraneo. E magari, un familiare perso, un amore finito, un’amicizia rovinata. Una quantità impensabile di lacrime.

Ma come ogni anno, e come sempre nella vita, il buono c’è. Esistono, anche per il 2015, per ognuno, quei piccoli momenti di estasi in cui il mondo rallenta la sua corsa frenetica e tutto pare andare anche solo per un momento, per il verso giusto. La risata con un’amica in una giornata triste, uno scambio di complicità con il proprio partner, un gesto di gentilezza inaspettato, una carezza nel momento giusto, un bagno caldo. Dei baci.

Da sempre l’umanità ha sviluppato questa incredibile forza d’animo, che viene riconosciuta, e comunemente chiamata, resilienza. Si tratta della capacità di far fronte ad un trauma e risollevarsi con dignità e caparbietà, di sorridere anche quando ci sarebbe solo da piangere.

L’uomo da sempre combatte la guerra con la pace, la tristezza con il sorriso, l’odio con l’amore. Ed è proprio per mostrare tutto l’amore che c’è nel mondo, anche in circostanze che sembrerebbero le meno adatte per esternare affetto, che il magazine Vanity Fair ha raccolto le foto dei ” 21 baci più significativi del 2015“.

In questa carrellata di effusioni toccanti e intime tra persone di più disparate credenze, provenienza e colore, vediamo ad esempio un bacio tra due profughi appena approdati sulle coste greche a Lesbo, o un padre siriano che tenendo in braccio il figlio piccolo lo bacia mentre attraversano il confine o due ragazze che manifestano il loro amore pubblicamente durante la Settimana della visibilità lesbica. Momenti di infinita tenerezza che a volte entrano nella storia per caso o per la fama che chi si scambia tenerezze già possiede, come il dolce bacio che il principino George dà alla sua sorellina Charlotte nata da qualche giorno o il bacio che Carl Philip di Svezia dà alla sua neo consorte la Principessa Sofia, o ancora uno delle tante tenerezze di papa Francesco ad un bambino.

È per questi piccoli momenti di felicità che vale la pena vivere. Per quegli attimi che danno senso al tutto e ci restituiscono quella leggerezza che forse solo i bambini hanno ancora. E tutti ci meritiamo quella leggerezza e quell’amore che a volte solo un bacio, un abbraccio o una carezza possono dare.

Non resta che stilare la propria personale classifica dei momenti di tenerezza che hanno segnato il nostro 2015.

Ti bacio in tutte le lingue del Mondo (FOTO)

credits: 100 World Kisses, Ignacio Lehmann

La bella addormentata nel bosco diventa la bella svegliata nel bosco dopo che il principe la bacia; ne “la principessa e il ranocchio”; il ranocchio è in realtà un principe e può tornare nei suoi panni regali solo dopo un bacio. Nelle favole il vissero per sempre felici e contenti finisce sempre con il principe e la principessa che si baciano. I baci più belli dei film storici ancora ci fanno innamorare.

Perché diciamolo, ancora sogniamo di stare su una nave con i capelli al vento, di aprire le braccia e di farci baciare da dietro. Ancora speriamo di finire chissà come a baciarci sotto la pioggia come se Colazione da Tiffany fosse la colazione nostra delle 7 del mattino quando siamo in ritardo. Non è esattamente una coincidenza se la suspense finisce proprio dove incomincia il bacio, e se l’amore inizia quando le labbra si incontrano, se le lacrime scendono quando tutto c’è ma i baci sono andato via col vento.

Per i poeti il bacio è “un apostrofo rosa tra le parole t’amo”, per gli scienziati è un processo che rilascia endorfine, per le favole è una cosa magica, per gli amanti è l’innamoramento, che non finisce mai. È un po’ la domanda che supera l’offerta, perché la verità è che dopo dieci bacii ne vorresti altri dieci, venti, trenta. È la macchia colorata ad un disegno in bianco e nero. È il centro di gravità permanente che, almeno una volta nella vita, cerchiamo tutti quanti. Tratto distintivo di una relazione speciale.

credits: www.tpi.it
credits: www.tpi.it

Le cose belle nascono per caso. “100 World Kisses” è il progetto fotografico di Ignacio Lehmann che, con il dito pronto su un obiettivo che di amore ne ha visto tanto, ha scattato foto ai baci più belli del Mondo. È un progetto fotografico che dura da tre anni, e racconta la storia della vita dell’amore quello vero, senza costrizioni, quell’amore che è anche dovere di rispettarsi, e diritto di essere felici.

credits: 100 World Kisses, Ignacio Lehmann
credits: 100 World Kisses, Ignacio Lehmann

Perché se c’è una cosa che la storia ci ha insegnato, é che l’amore vince dove anche tutto il sudore buttato per la fatica perde. I baci sono belli se sono soffici, se profumano di menta, ma anche di fragola; se hanno il sapore di una litigata ricomposta. I baci sono belli anche se sono brutti, quando sanno parlare e ascoltare. Sono belli quei baci che valgono più di mille parole, quelli dati a fine giornata, quelli dati dietro una torta, quelli alla laurea. I baci di Lhemann ci accarezzano addosso, sentiamo ancora il profumo del loro amore. Sono foto di baci in giro per il Mondo, da New York a Bogotà fino a Firenze.

credits: www.tpi.it
credits: www.tpi.it

Una ragazza con un’altra ragazza, un ragazzo con un altro ragazzo, una ragazza con un ragazzo, genitori, figli, nonni, nipoti; è l’amore che non ha età, sesso, razza. È quello che si racconta ai bambini, anche se a volte si ha un po’ paura. È quello che non ha bisogno del flash dell’autoscatto, i baci si illuminano da soli.

credits: 100 World Kisses, Ignacio Lehmann
credits: 100 World Kisses, Ignacio Lehmann