Costume & Società

Home Costume & Società Pagina 751
Notizie e tendenze sulla società, sul costume, sull’opinione pubblica e sul cambiamento generazionale

L’affinità di coppia si misura con tre domande

credit: www.yahoo.it

Molte persone si chiedono quale sia il segreto dell’amore duraturo, ma ore di ricerca dell’anima potrebbero essere una perdita di tempo secondo gli esperti di Harvard.

Mentre tutti pensavamo che bastassero la fiducia reciproca, la lealtà e l’amore condiviso, i matematici di Harvard hanno rivelato che tre semplici domande sono sufficienti per determinare la potenzialità di una coppia.

Le sorprendenti domande che vi sveleranno se il vostro rapporto è destinato a durare sono:

1- Ti piacciono i film dell’orrore?

horror-movies

2- Hai mai fatto un viaggio in un altro paese da solo?

viaggiare da sola credit: http://elmirablog.blogspot.it

3- Non sarebbe divertente lasciare tutto e andare a vivere su una barca a vela?

tramonto-in-barca-a-vela-31804108

Gli esperti di Harvard hanno realizzato questi studi, basandosi su dati rilevati sul sito di incontri OK Cupid, che ormai spopola sul web, come tanti altri siti di ricerca del partner.

Gli studiosi di Harvard essendo molto appassionati di dati, volevano costruire un sito, attraverso algoritmi, basato sulle domande del sondaggio. Alla fine, tre domande sopra tutte le altre sembravano determinare la compatibilità della coppia. Quindi, le coppie possono testare la loro affinità ponendo al partner queste tre semplici e stravaganti domande. Se si trova qualcuno che risponde a tutte e tre nello stesso modo, avete fatto bingo, siete la coppia perfetta.

Inoltre, durante questi studi sono stati evidenziati errori da non fare mai quando si va alla ricerca del partner online. A quanto pare, quando si tratta di messaggistica, gli errori di ortografia e grammatica fanno precipitare la coppia nascente.

Aggettivi come “eccezionale” e “affascinante” si sono rivelati molto più popolari rispetto ai complimenti fisici come “sexy” e “bella”. Invece, per gli uomini gli aggettivi più in voga sono “misterioso e sexy“, che devono guardate alla webcam e non sorridere, mentre le donne devono apparire timide e e un pò cerbiatte, per avere successo in queste relazioni.

Un’altra domanda che gli uomini dovrebbero sempre chiedere alle donne è se amano la birra, perchè, secondo i matematici, se lei risponde di sì, allora ci sarà il 30% in più di probabilità di portarla a letto al primo appuntamento rispetto alle donne che dicono di no.

Il mondo virtuale finisce quasi sempre per alimentare il nostro immaginario più del dovuto, creando false aspettative. Già in condizioni di normalità abbiamo la tendenza a proiettare sugli altri i nostri desideri, figurarsi dietro la barriera di uno schermo! La possibilità di incontrarsi online, anche attraverso la rete dei social network e il successo dei siti di incontri, sembra abbia decretato la fine degli incontri “spontanei”, quelli che capitano durante le uscite con gli amici o alle feste.

Quindi, sorge spontaneo il dubbio: “Quanto è positiva tutta questa interazione telematica quando si parla di rapporti umani?“. A voi la scelta.

Sellotape è l’ultima evoluzione del selfie

Cosa fare quando si hanno nastro adesivo e smartphone a portata di mano? Facile, un selfie.

Si chiama Sellotape l’evoluzione del selfie, diventata virale in pochissime ore. Una fusione degli ultimi trend, come quello della Neck Nomination, il nuovo gioco di sfide e alcool, e quello del selfie, parola dell’anno 2013, ma presentissima e in evoluzione anche nel 2014.

Nato dall’idea di un’adolescente del Regno Unito, la mania imita una delle scene cult del film Yes Man con Jim Carrey, dando vita a risultati mostruosi ed esilaranti al tempo stesso. “Ho avuto una brutta giornata e ricordai la scena del film. Ho pensato che la gente si annoia di tutto, anche dei selfie tradizionali, così ho abbinato il nastro adesivo all’idea dell’autoscatto. Il concetto è applicabile a chiunque, tutti possono partecipare, non c’è alcun rischio“, questa la “geniale” intuizione della ventunenne. Ogni utente che posta, così, una sellotape, dovrà nominare un amico, invitandolo così a fare lo stesso.

I media inglesi hanno definito i protagonisti dei grotteschi selfies, con il termine “orchi”, a sottolineare le sembianze spaventose che i volti assumono, completamente avvolti dallo scotch.

Una moda che evidenzia la sua stessa natura effimera, con la continua evoluzione richiesta dai più giovani e non. Una mania sicuramente bizzarra, che fa sorridere, ma anche riflettere sull’oggetto della fantasia delle nuove generazioni.

Quando la genetica è la protagonista degli spot

È divertente osservare i giochi della genetica: come si mischiano i tratti peculiari e le caratteristiche di due individui estranei, a formare una creatura nuova. Se poi i geni sono quelli portati in passerella o sugli schermi da modelle, attrici e cantanti, non resta che apprezzarne gli splendidi risultati a cui questa fusione dà vita.

La lista di duetti madre-figlia/o, riuscitissimi davanti all’obiettivo fotografico, è copiosa. E copiose sono le aziende che hanno sfruttato il potere della genetica a proprio vantaggio, consapevoli della sua capacità accattivante.

Yasmine e Amber Le Bon, protagoniste della campagna di Yamamay contro il cancro al seno, ne sono un degno esempio. Splendide e sorridenti, simili ma diverse, esclamano “Il cancro non ha età: previenilo anche tu“, durante la Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica.

Quando la genetica è la protagonista degli spot

E prima di loro Emma Stone e sua madre Krista, per Revlon, Sharon e Kelly Osbourne per Mac, le auree Georgia May Jagger e Jerry Hall per Sunglass Hut. Fino alle fiere e italiane Bianca Balti e Matilda, ormai inserita nel fashion system per dare merito alla sua innocente bellezza o la splendida Benedetta Gori, primogenita di mamma Cristina Parodi, di recente debutto sulle passerelle milanesi.

Quando la genetica è la protagonista degli spot

Come non citare poi la splendida Cindy Crawford, icona di Versace negli anni Novanta, che oggi lascia il testimone alla figlia Kaia, protagonista dell’attuale campagna della maison. E ancora Jennifer Lopez, simbolo con i suoi due figli, Emme e Max, della linea baby di Gucci.

Quando la genetica è la protagonista degli spot

Numerosi e differenti, dunque, gli esempi, quando a mischiarsi sono tutte le sfumature della bellezza. Non resta che goderseli e giocare a indovinare di quale dei due genitori è la fossetta sul mento o il colore dell’iride.

Giornata Mondiale dell’Acqua. Si celebra il bene più prezioso

www.fattidibio.com

Una risorsa preziosa, forse la più preziosa. Una risorsa che, purtroppo, troppe volte porta la morte a causa della sua mancanza. Una risorsa che deve essere di tutti: è l’acqua.

Ricorre oggi, 22 marzo, la Giornata Mondiale per l’Acqua, e in occasione su tutto il territorio italiano si terranno tante iniziative, per sottolineare l’importanza di questa risorsa fondamentale e per incentivare la sostenibilità nella gestione delle risorse idriche.
Il World Water Day è stato istituito nel 1992 dalle Nazioni Unite, che hanno invitato tutti i membri a partecipare a questo giorno con attività concrete di promozione all’interno dei loro Paesi.

Il tema scelto per la celebrazione odierna è “Acqua e Energia” affinché si aumenti la consapevolezza delle interconnessioni tra acqua ed energia – beni mondiali molto collegati tra loro – e affinché si dimostri ai decisori politici alcune soluzioni ai problemi di nesso tra acqua-energia e gli impatti positivi di alcune buone pratiche a livello economico e sociale.
Si potrà, inoltre, contribuire al dialogo e identificare così i principali attori da coinvolgere per affrontare le problematiche sociali fra acqua ed energia.

Le problematiche affrontate daranno risultati soprattutto nelle zone meno fortunate, zone in cui acqua potabile, servizi energetici e servizi igenici adeguati sono solo un miraggio.

Molti gli eventi organizzati in tutto il mondo. A Saragozza (Spagna) le discussioni verteranno su come vari partenariati possano contribuire ad attuare le risposte affinché venga garantito il raggiungimento dell’acqua e l’efficienza energetica.
Stoccolma è il luogo d’incontro per eccellenza in cui si discuteranno questioni urgenti del pianeta, sempre legate all’acqua.
A Tokyo, dove si svolgeranno le principali celebrazioni, sarà lanciato il contest “Water for Life”.

Ci sono, poi, molti altri luoghi ed eventi che celebreranno la Giornata Mondiale dell’Acqua, ma bisognerebbe ricordarsi che l’acqua è un bene comune, che va usato con rispetto ogni singolo giorno.