Tendenze

Home Costume & Società Tendenze

Il significato dei tatuaggi delle star (FOTO)

www.cosmopolitan.it

I tatuaggi? C’è chi li ama e chi li odia. Io, ad esempio, non avrei mai il coraggio di farne uno: primo perché ho paura dell’ago e secondo perché mi piace l’incarnato uniforme, senza nessuna macchia o disegno. Ovviamente il discorso vale per la mia pelle infatti apprezzo tantissimo i tatuaggi degli altri, i quali sempre suscitano in me un discreto interesse.
Prima di scegliere un disegno per la propria pelle di solito vengono consultate moltissime fonti: il primo elemento ispirante è certamente rappresentato dai tatoo delle star; quale tatuato, infatti, non ha visionato qualche tatuaggio famoso prima di farsi marchiare?

La cosa straordinaria del farsi disegnare addosso questo o quello è il sentimentalismo di fondo: ciascun disegno ha un proprio personale significato che rende numeri, immagini e frasi qualcosa di veramente unico e speciale.
Angelina Jolie, ad esempio, ha molti tatuaggi sparsi per il corpo. Il più interessante è quello presente sul braccio su cui sono disegnate le coordinate del luogo di nascita dei suoi figli insieme a quelle di Brad Pitt.
Emma Stone ha sull’interno del polso le zampette di un uccello, e qui la storia si fa molto interessante: qualche anno fa sua madre è guarita dal cancro e siccome adorava la canzone dei Beatles ‘Blackbirds‘, Emma ha deciso di farsi disegnare le zampe stilizzate di un pennuto.
Kendall Jenner, sorella di Kim Kardashian, ha fatto un mini tatuaggio molto singolare: un minuscolo puntino bianco sulla mano. Il significato sta nel suo amore per le piccole cose e il colore bianco è risultato necessario viste le sue esigenze da modella.

Uno dei tatoo più significativi è quello di Lady Gaga, ovvero una citazione in tedesco riportata sul braccio di Rainer Maria Rilke con accanto una data: 18/12/1974. L’ha fatto in ricordo della zia morta prima che nascesse e con cui ha sempre sentito un legame profondo.
Cara Delevigne ha misteriosi tatoo sparsi per tutto il corpo, tutti firmati dal tatuatore newyorkese Bang Bang.
Miley Cyrus invece si è tatuata per la prima volta a 17 anni: la scritta ‘Just breathe’ presente sotto al seno ricorda una amica di nome Vanessa morta per una malattia ai polmoni e i suoi nonni, entrambi scomparsi per un cancro polmonare.
Il cantante Sam Smith ha scelto di disegnare sulla sua pelle il simbolo di una fede nuziale, così da stimolare la pubblica opinione sul tema dei matrimoni gay.

Tatuaggi così graziosi che anche tua madre non potrà arrabbiarsi (FOTO)

Credit: mode.newsgo.it

Less is more. A dirlo non siamo noi, assolutamente, ma il padre dell’estetica architettonica: Ludwig Mies van der Rohe.
Certo non stiamo parlando di design d’interni e tanto meno di architettura, ma ciò che ci preme ricordare è che nella semplicità risiedono le cose più grandi e preziose.

È così che, parallelamente al divulgarsi di tatuaggi massicci e appariscenti, un’altra fazione di ink dependent sta creando un trend grazioso e maternamente-riconosciuto. Sono i tiny teensy tattoo e sono così piccoli e graziosi che nemmeno la madre più severa, tradizionalista e conservatrice al mondo potrà dire qualcosa che non sia “carino“.

Tatuaggi di queste dimensioni sono perfetti per chi preferisce rimanere su qualcosa di contenuto e chi magari teme il dolore e la noia derivante dal vedersi costantemente qualcosa d’impresso addosso.

Tendenzialmente vengono definiti il “primo passo“, utile a tutti quelli che si affacciano al magico mondo dell’inchiostro con opere d’avanscoperta, pratiche per prendere confidenza con l’ago e con la sensazione dell’inciso sulla pelle.

Di solito vengono seguiti da dipinti su pelle più grandi, ma sono molte le persone che si limitano a ricoprirsi di piccoli e semplici simboli sparsi per tutto il corpo.

Diamo insieme un’occhiata ai tatuaggi più semplici e piccoli trovati in giro per il web.

Pollice verde per adorabili creazioni di Star Wars (FOTO)

Credit: Brittany Herbert

Decorare angoli della vostra casa con i terrari può essere un’idea piuttosto originale, soprattutto se siete capaci di ricrearli in maniera del tutto inusuale. L’ultima tendenza è quella di realizzare terrari homemade, riproducendo i tre pianeti del Star Wars Galaxy: Endor, Hoth e Jakku.

1. Ppianeta Endor

Credit: Brittany Herbert
Credit: Brittany Herbert

Occorrente:
-Un vaso di vetro o una ciotola
-Terriccio
-Pietre di fiume: assortite, piccole e grandi
-Muschio
-piante assortite
-Una figurina di Star Wars

Quello che dovete fare è versare uno strato di pietre di fiume nella vostra ciotola, aggiungere il terriccio e il muschio e infine le vostre piante. Per Endor, Brittany Herbert, ideatrice della creazione, ha pensato di introdurre le piante di felce.
Infine, aggiungete il muschio decorativo, metaforico suolo della foresta di Endor e le rocce.

2. Pianeta hoth

Credit: Brittany Herbert
Credit: Brittany Herbert

Occorrente:
-Un vaso di vetro o ciotola
-Pietre di fiume assortite, piccole e grandi
– Sabbia bianca (per la neve)
-Una figurina di Star Wars

Versate le pietre di fiume nella vostra ciotola, aggiungete la sabbia bianca e le pietre meno lisce (Hoth è un pianeta in parte roccioso). Aggiungete altra ‘neve’ sulle vostre ‘rocce’ in modo da ricreare una sorta di scogliera, posizionate la figurina e il gioco è fatto!

3. Pianeta Jakku

Credit: Brittany Herbert
Credit: Brittany Herbert

Occorrente:
-Un vaso di vetro o una ciotola
-Pietre di fiume assortite (di qualsiasi dimensione)
-Sabbia rossastra
-Una figurina di Star Wars

Versate le pietre e poi la sabbia. Infine aggiungete la vostra figurina attaccandole i piedi alla sabbia.

Parole intraducibili illustrate magnificamente da Marija Tiurina (FOTO)

Credits: dailybest.it

Parole intraducibili, ovvero: ma come parla la gente? A volte udiamo o leggiamo certe idiomi il cui significato è impossibile da cercare. Ci sono infatti parole intraducibili che esistono solo in una specifica lingua e non in altre. Allora direte: e come si fa a capirne il senso? Per spiegarle bisogna usare una frase complessa che rischia, però, di far perdere il significato originario. Perché ammettiamolo, alcune parole sono belle solo se dette in lingua originale.

L’artista inglese Marija Tiurina ha realizzato una serie di splendidi disegni in cui illustra le parole intraducibili che si trovano in lingue quali arabo, portoghese, giapponese, e ne dà il significato. Andiamo a dare un’occhiata.

Cafuné (brasiliano portoghese): L’atto di passare teneramente le dita tra i capelli di qualcuno.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-3-670x669

Baku – shan (giapponese): una ragazza bellissima solo se vista da dietro.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-14-670x669

Gufra (arabo): La quantità d’acqua che può essere tenuta in una mano.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-4-670x669

Torschlusspanik (tedesco): La paura della chiusura di un cancello o metaforicamente la paura della diminuzione delle opportunità man mano che l’età avanza.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-2-670x669

Tretar (svedese): Quando riempi una tazza di caffè per tre volte.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-5-670x669

Duende (spagnolo): Il misterioso potere che un’opera d’arte trasmette alle persone per smuovere le loro emozioni.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-7-670x670

Schlimazl (yiddish): Una persona cronicamente sfortunata.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-8-670x670

Schadenfreude (tedesco): Il piacere derivato dalle sfortune altrui.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-10-670x670

Tingo (rapanui): L’atto di farsi prestare tutti gli oggetti desiderati dalla casa di un amico.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-11-670x670

Luftmensch (yiddish): Chi fa costantemente sogni ad occhi aperti.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-12-670x670

L’appel duvide (francese): La chiamata del vuoto, l’urgenza di saltare da alti edifici.

Marija-Tiurina-Untranslatable-words-13-670x669

Credits photo: dailybest.it