Food

Home Food
Proposte dal mondo del cibo: ristorazione, dieta, ricette e cucina

Kartoffelsalat: l’insalata di patate tedesca

Kartoffelsalat: un’insalata sfiziosa e saporita.

A chi non piacciono le patate? Difficile trovare qualcuno che non le ami. Al forno, fritte, in purè ma soprattutto in insalata. Niente di meglio di una bella insalata di patate che si può gustare calda se fa freddo e fredda se fa caldo. Una ricettina rubata in verità alla tradizione gastronomica tedesca che fa di quest’insalata un ottimo piatto estivo, da solo o come contorno. Se desiderate gustarla fredda non dovete far altro che prepararla con un certo anticipo e lasciarla in frigo. In questa ricetta troveremo uno splendido matrimonio fra uova e patate legate insieme dalla deliziosa maionese e da un filo di latte e per dare un po’ di piccantezza al tutto un tocco di cipolla cruda.

Kartoffelsalat: ingredienti

Per preparare la kartoffelsalat per quattro persone ci occorrono:

  • 6 patate medie
  • 5 uova
  • mezza cipolla
  • maionese q.b.
  • Latte q.b.
  • Sale

Kartoffelsalat: procedimento

Procedete lavandolo le patate e facendole bollire in acqua fredda leggermente salata. Controllate la cottura, dopo che l’acqua avrà bollito per almeno mezz’ora, pungendo le patate con uno stecchino che dovrà facilmente arrivare al cuore della patata e uscendo dovrà essere pulito. Una volta cotte scolatele e lasciatele sfreddare.

Quindi procedete a rassodare le uova per una decina di minuti, una volta cotte scolate e lasciate freddare.

In un capiente insalatiere dunque tagliate a tocchetti le patate sbucciate e a rondelle le uova mondate del guscio. Affettate la mezza cipolla che sarà cruda sottilissima ed unitela ad uova e patate. Quindi bagnate il tutto con un goccio di latte a temperatura ambiente più o meno a seconda del vostro gusto ed aggiungete almeno tre cucchiai abbondanti di maionese ma anche in questo regolatevi secondo il vostro gusto. Si sconsiglia di aggiungere dell’olio. Aggiustate di sale e riponete in frigo fino al momento di sedersi in tavola. Kartoffelsalat In un capiente insalatiere dunque tagliate a tocchetti le patate sbucciate e a rondelle le uova mondate del guscio. Affettate la mezza cipolla che sarà cruda sottilissima ed unitela ad uova e patate. Quindi bagnate il tutto con un goccio di latte a temperatura ambiente più o meno a seconda del vostro gusto ed aggiungete almeno tre cucchiai abbondanti di maionese ma anche in questo regolatevi secondo il vostro gusto. Si sconsiglia di aggiungere dell’olio. Aggiustate di sale e riponete in frigo fino al momento di sedersi in tavola.

Parmigiana arrotolata: la ricetta

Parmigiana arrotolata: pronti per scoprirla?

Questa ricetta nasce dal desiderio di fare una parmigiana diversa da quella classica mantenendo il gusto ed utilizzando quello che c’è in frigo a disposizione, ingredienti che solitamente tutti abbiamo.

Prima d’iniziare ad illustrarvela ci tengo a precisare che il ripieno, come leggerete, va fatto sfreddare prima di poterlo utilizzare quindi va preparato in anticipo.

Parmigiana arrotolata: ingredienti

Dunque per fare la parmiggiana arrotolata ci occorrono:

  • melanzane
  • zucchine
  • sottilette
  • salsa o qualunque tipo di sugo abbiate
  • salumi (prosciutto crudo o cotto ma anche mortadella)
  • pasta sfoglia
  • sale

Parmigiana arrotolata: procedimento

Procedete così: mettete dell’olio d’oliva a scaldare in una padella, nel mentre tagliate a rondelle melanzane e zucchine, quando la temperatura è ottimale friggete le verdure. Quindi scolatele e posizionatele su carta assorbente.

IMPORTANTE: le verdure si devono raffreddare totalmente prima di farcire la pasta sfoglia, altrimenti questa si buca!

Una volta sfreddate, stendete la pasta sfoglia ed adagiatevi sopra uno strato di verdure, uno di formaggio a vostra disposizione o sottilette ed uno di un salume qualunque che avete in frigo quindi va bene il salame ma anche il prosciutto cotto o crudo e la mortadella.

E via così fino ad esaurire gli ingredienti che saranno naturalmente proporzionati ai commensali.

In ultimo versate sopra il tutto qualche cucchiaio di salsa o di sugo pronto magari quello della pasta e non dimenticate un pizzico di sale ovviamente.

Quindi arrotolate il tutto e chiudete la pasta bagnandola con un po’ d’acqua in modo che si appiccichi, adagiate in una pirofila rivestita di carta forno e versate un filo d’olio.

Infornate a 180 per tre quarti d’ora minimo. La fine della cottura sarà determinata dalla doratura e dalla fragranza della pasta, servite ben caldo!

Il trucco: potrebbe essere che le verdure fritte abbiamo sprigionato troppo olio, togliete dal forno il rotolo tagliatelo a fette e lasciatelo riposare dieci minuti nel forno caldo, sul fondo vedrete l’olio in eccesso, trasferite le fette su un piatto pulito ed è pronto.

Homemade lasagna con zucchine e prosciutto cotto

Homemade lasagna con zucchine e prosciutto cotto, una delle mie favorite.

Un susseguirsi di eventi mi ha portato a dover escludere pomodori e sugo dalla mia dieta. Poi capita che vado a cena da amici e loro mi fanno assaggiare una lasagna bianca con il salmone, divina!

Ho pensato di riprodurla ma con ingredienti diversi (quella con il salmone la sto ancora studiando).

Eccellente! Leggera, saporita e non rimane sullo stomaco questa lasagna bianca.

Lo so, lo so, nell’epoca dei vegani parlare di prosciutto cotto pare quasi un sacrilegio ma noi onnivori sopravviviamo alle mode e alle variazioni alimentari delle epoche. E in ogni caso se siete vegani sostituite il prosciutto con melanzane o fiori di zucca (sì sto studiando anche queste varianti) e dovrebbe venir buona lo stesso.

Bando alle ciance veniamo ai fatti.

Homemade lasagna: ingredienti

Ecco una teglia per 4 persone:

  • 4 zucchine
  • olio evo
  • 200 g. di prosciutto cotto
  • 1 pacchetto di sottilette
  • besciamella
  • 250 gr. Di lasagne

Homemade lasagna: come farla

Ed ecco il procedimento.

In primis laviamo bene le zucchine. Andiamo a ricavare delle fette tagliando in senso longitudinale.

Scaldiamo in una padella larga poco olio evo e poco per forza facciamo rosolare le fette di zucchina e farle dorare. Porre tutte le fette su carta assorbente.

In una pentola portare l’acqua a bollore, salarla e porvi un filo di olio evo. Sbollentare le lasagne a coppia.

Preparare gli strati: sul fondo andiamo a spennellare olio evo e poca besciamella, primo strato di pasta, poi zucchine, poi cotto a pezzetti o a strisce e sottiletta a pezzetti, besciamella per concludere. Si prosegue fino a terminare gli ingredienti.

Nessuno vi vieta di fare uno strato di zucchine soltanto e uno di cotto.

Homemade lasagna: i trucchi

Passiamo ai trucchi e consigli:

  • lasciare la buccia alle zucchine così si spappolano meno in cottura
  • mettere un filo d’olio nell’acqua per cuocere le lasagne così non si attaccano fra loro
  • porre come ultimo strato due fette di cotto e besciamella, il cotto diventa piacevolmente croccante

Curiosità: pare che la lasagna sia tata inventata a Napoli (e quindi non sia del centro Italia), una ricetta del 1238-1239 parla di De lasanis. Nei successivi secoli la ricetta venne riproposta anche in altri ricettari, non solo italiani, tra i quali si segnalano, L’Anonimo Toscano più noto con il nome di Libro de la Cocina.

Pasta e cavolfiore al forno

Pasta e cavolfiore al forno: curiosi?

Vi è mai capitato di aver voglia di una pasta condita diversamente? Magari con delle verdure. Vi è mai capitato di aver qualcuno in famiglia che non ama tanto le verdure? Ce n’è una in particolare che fa molto bene e fa anche tanto storcere il naso: il cavolfiore.

Da molti giudicato puzzolente e pesante. Ma a tutto c’è una una soluzione, questa pasta con il cavolfiore potrebbe essere la vostra via d’uscita nelle giornate in cui avete voglia di qualcosa di buono e magari avete qualche cavolfiore che v’ingombra.

Si tratta di una preparazione un po’ lunga quindi prendetevi un po’ di tempo.

Pasta e cavolfiore al forno: ingredienti

Per una pasta e cavolfiore per 4 persone ci occorrono:

  • 400 gr di pasta tipo rigatoni
  • 3 cucchiai di burro
  • 2 cavolfiore medi
  • besciamella
  • sale & pepe

Pasta e cavolfiore al forno: preparazione

Per prima cosa occorre pulire il cavolfiore sotto l’acqua corrente magari sfregandolo delicatamente con uno spazzolino, quindi dividerlo in cimette e farlo bollire con un po’ di sale. Attenzione: quando l’acqua comincia a bollire mette dentro la pentola un pezzo di pane raffermo che catturerà l’odore come per magia.

Quindi scolate il cavolfiore con una ragnatela e nell’acqua che ancora bolle versate la pasta. Se volete dare un ulteriore tocco di sapore aggiungete all’acqua dello zafferano o del curry oppure un dado vegetale.

In un tegame capiente fate sciogliere due cucchiai di burro, quindi unitevi le cimette di cavolfiore fatele rosolare, aggiungete un mestolo di acqua di cottura e lasciate cuore dolcemente.

Una volta che la pasta abbia raggiunto la cottura versatela nel tegame, girate per bene ed aggiunte besciamella a piacere. Aggiustate di sale e pepe.

Dunque imburrate una pirofila con quel che rimane del burro e versatevi dentro la pasta con il cavolfiore.

Infornate alla massima temperatura. Una volta che sarà croccante e dorato (vi vogliono tre quarti d’ora circa) è pronto per essere servito.