Food

Home Food
Proposte dal mondo del cibo: ristorazione, dieta, ricette e cucina

Ricette di mare: ragù di polpo

Ricette di mare: ecco il ragù di polpo.

Una domenica mattina, con mio marito, ci dedichiamo all’esplorazione del frezeer e ci ricordiamo che avevamo acquistato due bei polpi, un chilo in totale. Decidiamo quindi di fare un bel ragù per condirci la pasta.

Noi siamo dei fan dei primi piatti di mare e soprattutto del polpo che è il principe di questa ricetta.

Il ragù di polpo: le ricette di mare

Ecco che ingredienti ci servono per 4 persone:

  • 400 gr di pasta corta
  • 1 polpo da 1 kg
  • gambi di prezzemolo
  • aglio
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 bicchiere di passato di pomodoro
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • mezza cipolla
  • olio evo
  • sale

Le ricette di mare: come fare il ragù di polpo

Per prima cosa è importante che il polpo sia congelato da almeno 24 ore in questo modo sarà più tenero (mi raccomando prima di congelarlo va pulito). Va fatti scongelare diverse ore prima.

In una casseruola versare dell’olio evo a cui va aggiunto l’aglio e i gambi di prezzemolo.

Tagliare il polpo a pezzetti, non troppo piccoli, e farlo rosolare in padella. Deve rosolare prima a fiamma alta, e poi bassa, per almeno mezz’ora.

Togliere l’aglio e il prezzemolo.

Alzate la fiamma e sfumate con il vino rosso, lasciar evaporare l’alcol.

Aggiungere il trito di cipolla, sedano e carota. Aggiungere anche la passata, abbassare il fuoco e far cuocere per un’altra mezz’ora. Aggiustare di sale, aggiungere un trito di prezzemolo fresco.

Cuocere al dente la pasta, scolarla e farla saltare insieme al ragù.

Se volete potete aggiungere del peperoncino piccante.

Volendo potete usare anche il polpo fresco e non congelato ma ci vorrà di più per cucinarlo e quindi farlo diventare tenero.

Ricette di riso con carne, pollo e maiale

Ricette

Ricette del dopo feste, in questo caso con avanzi.

Non sono una di quelle persone che approva le abbuffate festive ma ammetto che si mangia un po’ in più o si mangiano cibi magari più pesanti.

A Natale per tradizione, in Sardegna, cuociamo il maialetto arrosto, che proprio leggero non è. Il giorno dopo decisamente non avevo voglia di pasta, carne, contorni, dolci etc. Avrei voluto solo del riso con un pezzetto di carne. Mi sono messa all’opera.

Questo è un piatto di riciclo ma anche un comfort food lo definirei, caldo, profumato e gustoso.

A cosa mi sono ispirata? All’oriente al modo di cucinare dei cinesi, dei giapponesi e dei thailandesi.

Ricette di riso con carne, pollo e maiale

Ingredienti:

  • carne di maiale avanzata (maialetto, costine etc)
  • carne di pollo avanzata
  • cipollotto
  • olio evo
  • brodo (anche il dado va bene)
  • riso
  • sale
  • pepe
  • curry
  • aceto balsamico
  • erba cipollina
  • prezzemolo

Ricette: preparare il riso con la carne

Prendete la carne di pollo e di maiale e tagliatela a tocchetti piccoli o a fettine.

Tagliate il cipollotto grossolano e fatelo rosolare in un cucchiaio di olio evo.

In una pentola mettete acqua calda e brodo (il dado va benissimo).

Unite la carne al cipollotto, quando questo profuma, e rosolate a fuoco vivace. Abbassate ed aggiungete due cucchiai dell’acqua col brodo che bolle. Abbassate la fiamma sotto la padella.

Lavate il riso: mettetelo in una ciotola e riempitela di acqua, mescolate con un cucchiaio di legno e poi versate l’acqua. All’inizio apparirà lattiginosa, man mano diverrà limpida. Quando l’acqua è limpida versatelo nella pentola e fatelo cuocere.

Aggiungete il curry al cipollotto con la carne e mescolate, alzate la fiamma e schizzatevi dentro dell’aceto balsamico, fate evaporare ed asciugare.

Scolate il riso e ponetelo nella padella, aggiungete olio, sale, pepe, erba cippolina e prezzemolo fresco tritati, mescolate e servite.

Salse: ricetta per la tahina e l’hummus

E’ un periodo di salse questo, perché? Perchè in inverno mi fa piacere il pane tostato con qualcosa di buono da spalmarci sopra. E poi avete presente quando non c’è davvero tempo per cucinare, queste salse e qualche altro ingrediente veloce vi garantiscono un pasto sano e buono.

Quando tornate a casa ed è stata una giornata umida, freddolosa, ma soprattutto frettolosa e non avete voglia di mettervi ai fornelli, queste ricette saranno la vostra salvezza.

Ricette di salse: la tahina

Si tratta di una salsa di sesamo, una salsa di origine mediorientale. E’ ottima per condire per le verdure, l’insalata, gli ortaggi bolliti o del semplice pane tostato.

E’ anche salutare perché ricca di magnesio, ferro, vitamine B, D, E inoltre aiuta a contrastare l’ipercolesterolemia.

Ingredienti per la salsa tahina

  • 400 grammi di semi di sesamo
  • 90 grammi di olio dal sapore neutro
  • sale q.b.

Come si fa:

Far tostare i semi di sesamo in una padella calda, ma attenzione, si bruciano facilmente. Quando sono dorati frullarli con olio e sale. Volendo ci si può aggiungere del succo di limone se si gradisce.

Si conserva in barattolini di vetro in frigo.

L’hummus: ricette di salse

Fare l’hummus è semplicissimo, anche in questo caso parliamo di ricette mediorientali. E’ una salsa molto fresca, corposa e saporita.

Ingredienti per la salsa hummus

  • una scatola di ceci già cotti
  • il succo di un limone
  • curry in polvere
  • prezzemolo tritato
  • olio evo

Come si fa:

Frullare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio. Volendo al posto del limone si può usare il lime che da un gusto più leggero. Potete aggiungere il pepe nero se volete e aglio tritato.

Passiamo alla seconda fase: prendete delle fette di pane e tostatele, quindi potete aggiungere una delle due salse e poi fette di pomodoro, di mozzarella, di melanzane arrostite, di avocado, o ancora del finocchio arrostito e tagliato a lamelle, del salmone affumicato o ciò che preferite.

Regali natalizi: Il club delle ricette segrete

Regali natalizi: Il club delle ricette segrete, una storia di amicizia e di cucina di Andrea Israel e Nancy Garfinkel

Ditemi un po’ voi siete dei buoni lettori e anche delle buone forchette? O siete del genere “mangio qualsiasi cosa mi si metta nel piatto”?

E soprattutto a voi piace cucinare o siete di quei tipi che brucerebbero anche l’acqua per buttare la pasta?

A me piace mangiare (ovviamente) ma mi piace anche moltissimo cucinare è diventato oltre che un bisogno, una passione: compro giornali di ricette appena posso (solitamente approfitto dei pacchi che costano uno o due euro e dentro ci sono diversi giornali) oppure frego le ricette dei romanzi soprattutto quelli stranieri appena l’autore tira fuori il nome della straordinaria pietanza che la protagonista cucina mi fiondo su google perché l’indomani devo assolutamente metterla sotto il naso di mio marito per pranzo.

Ho già imparato a fare diverse pietanze gustose con questo metodo, da i libri si posson prendere moltissime cose, mica solo per l’anima, anche per la pancia!

Regali natalizi: Il club delle ricette segrete

Il libro di cui parliamo oggi ha molto a che fare con la cucina e con l’amicizia, a me è capitato di cucinare con la mia migliore amica quando mi trovavo a Cagliari e mi piaceva un sacco, mi divertivo tantissimo. Lei è stata la persona che mi ha insegnato a cucinare la carbonara e ogni volta che la cucino ripenso con nostalgia a quei momenti ed è rimasta la mia pasta preferita.

Anche le protagoniste di questo libro sono due amiche: Valerie e Lilly.

Val è una ragazza introversa, molto timida, studiosa, seria e responsabile che vive in una famiglia composta da un padre insegnante che si sente incompreso e da una madre agorafobica che soffre di attacchi di panico.

Lilly invece è molto diversa da lei è estroversa, esuberante, uno spirito libero che ama la musica e mettersi nei guai., suo padre è lo psichiatra che ha in cura la madre di Val ed è sempre affettuoso con quest’ultima lodandola per i successi scolastici e dandole lezioni private, cosa che fa ingelosire Lilly, mentre sua madre è una bellissima attrice che passa da una fuga da casa ad un litigio.

Le due ragazze diventano amiche e si scrivono all’inizio tramite lettere e poi tramite email, fondando il “Club delle ricette segrete” scambiandosi ricette, nel titolo di ognuna delle quali è racchiuso il sentimento che guida la preparazione e per cui è stata ideata..

E’ proprio la cucina che le accomuna, insieme preparano dei piatti deliziosi ed hanno una ricetta per ogni situazione: focaccine di mirtilli per i momenti delle confidenze, latte all’amaretto per festeggiare e fare la pace e crema alla ricotta per riparare un cuore infranto.

Quindi, dicevamo ogni lettera si chiude con una ricetta che segna quella confidenza o avventura narrata, se per esempio nella corrispondenza le due amiche si scambiano confidenze amorose, ecco che la lettera si chiuderà con una frittura saltata “pazzo di te” o con le lasagne “pene d’amore”.

Qualcosa poi le divide…

Regali natalizi: Il club delle ricette segrete

Andrea Israel è produttrice e sceneggiatrice di numerosi e importanti programmi televisivi, per i quali ha vinto un Emmy Award. È anche editorialista in molti periodici e quotidiani. 

Nancy Garfinkel, scrittrice, designer, creativa, lavora come editor per numerosi periodici e ha vinto un premio per il suo lavoro in ambito grafico ed editoriale. Si occupa soprattutto di cibo e arte. 

Ricetta tratta dal libro:

Biscotti “professore matto” 

Dosi per circa tre dozzine di biscotti: 110 g di zucchero di canna, 10 g di zucchero, 110 g di burro, 1 uovo, 1 cucchiaino di estratto di vaniglia, 210 g di farina, 2 cucchiaini di lievito, 1/2 cucchiaino di sale, 40 gr di noci pecan tritate finemente, burro o margarina per ungere le teglie.