Cibo

Home Food Cibo Pagina 3
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Proprietà e benefici della farina di tapioca

farina di tapioca
farina di tapioca

La farina di tapioca è la farina che si ottiene dai tuberi della manioca. Proprio per questo motivo, è conosciuta anche con i nomi “amido di tapioca” o “farina di manioca”. Si tratta di una farina molto leggera per l’intestino ed è ovviamente spoglia di glutine, peculiarità che la rende molto adatta per le preparazioni alimentari indirizzate ai bambini nel periodo dello svezzamento. In questo articolo vogliamo menzionare tutte le proprietà e i benefici che caratterizzano la tapioca.

La farina di tapioca ha un alto contenuto di carboidrati e solo una piccola parte è riservata alle proteine e ai lipidi. Oltre a ciò, la tapioca è anche un’eccezionale sorgente di potassio, ferro, calcio, fosforo e vitamina B2. Per via del suo elevato potere nutritivo, la farina di tapioca è particolarmente adatta nei casi di convalescenza e per le primissime pappe dei piccoli. Un’altra pregiata caratteristica della tapioca è la sua notevole digeribilità che la rende dunque facilmente assimilabile dall’intestino. Ma non è tutto. Un ulteriore maestoso beneficio della farina di tapioca è quello di fare in modo che alcune sostanze contenute nel latte vengano smaltite facilmente. Difatti, quando la tapioca viene cotta nel latte, i granuli di amido di cui è dotata, aumentano di volume, creando una rete che dissesta e respinge la caseina presente nel latte. Questo permette ai succhi gastrici di attaccarla agevolmente e dunque di assorbirla senza fatica.

In cucina, la farina di tapioca è impiegata in primo luogo come collante o come legante. Difatti, è possibile utilizzarla anche per condensare una vellutata, un passato di verdure o una crema per dolci. E’ molto usata ad esempio nella preparazione di prodotti di pasticceria al posto dell’amido di mais o della farina di riso. Per di più, nei dolci, la farina di tapioca, può essere indicata come sostanza surrogatoria delle uova. Nelle zone più calde e torride, invece, la farina di tapioca è uno degli ingredienti basilari e serve principalmente per realizzare l’impasto del pane.

Nasce il primo “All you can eat” di pizzoccheri e sciatt

Credits photo: www.dailybest.it

La formula “All you can eat”, che ha sempre più successo per ristoranti giapponesi e cinesi e per il sushi, spopola anche per prodotti tipici della Valtellina, ossia per i pizzoccheri e per gli sciatt. L’idea è venuta a Fabio e Mauro, i gestori del ristorante “Crotto Quartino di Piuro“, in Valchiavenna, ristorante famosissimo del luogo da circa 70 anni.

Il locale è conosciuto soprattutto per i suoi super cibi, come salumi, costine, salsicce, polenta taragna e pizzoccheri bianchi della Valchiavenna che, come sottolinea Mauro, “sono diversi da quelli dei cugini Valtellinesi, di grano saraceno e verze, ma di un’altra versione, meno conosciuta, ma altrettanto valida, caratteristica della Valchiavenna, ossia quelli bianchi“. Questi ultimi, infatti, sono tra i piatti più gettonati dell’intero menù. Il tutto, ovviamente, accompagnato dal “Vin del Quartin”, il più scelto fra tutti quelli presenti.

Fabio e Mauro, i gestori del ristorante, hanno deciso di proporre questa formula innovativa nella sola serata del venerdì, che ha l’obiettivo di creare una festa ed un inno ai cibi tipici della Valchiavenna. Il costo è di 20 euro a persona e si può scegliere ciò che si preferisce dal menù, insieme ad acqua, vino – incluso nella promozione, però, solo il “Vin del Quartin” e non altre specialità – e caffè.

L’unica regola che viene imposta ai clienti è quella di non lasciare avanzi nel piatto perché, come dicono i proprietari, “mangiare a volontà è ok, sprecare è peccato“. Se si lascia qualcosa, quindi, si è costretti a pagare una somma più alta di 20 euro.

McDonald’s: arriva Sweety con Nutella

Credits photo: diregiovani.it

McDonald’s non smette mai di stupire i suoi clienti affezionati. E questa volta lo fa con un dolce da leccarsi i baffi, letteralmente. La nuova trovata del colosso dei fast food si chiama Sweety con Nutella: si tratta di un “morbido pane con un cuore di Nutella tutto da scoprire“.

La novità è disponibile in tutti i punti vendita, nel reparto McCafé, e, come riporta proprio il sito di McDonald’s, è “adatta a qualsiasi orario della giornata“: ideale da mangiare a colazione – come iniziare la giornata se non così? – a metà mattina o pomeriggio, come spuntino per riempire lo stomaco, o dopo i pasti, per finire in bellezza.

Proprio qualche ora fa, la pagina Facebook della catena statunitense ha dato la notizia a tutti i suoi seguaci. “È arrivata una soffice dolcezza a cui non saprete resistere. Provate subito Sweety con Nutella: morbido pane con un cuore di cremosa golosità!

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, questa soffice dolcezza contiene circa 1078 kj per porzione, il 13%. Inoltre, come riportato nel sito, ci sono 6,4 grammi di proteine, 8,8 grammi di grassi, 0,41 grammi di sale, 1,9 grammi di fibre, 256 chilocalorie, 36 grammi di carboidrati, 3,5 grammi di grassi saturi e 3,5% grammi di zuccheri.

Per tutti gli amanti di McDonald’s, per i golosi e per chi non sa resistere ai dolci o alla Nutella, Sweety sarà davvero qualcosa a cui non si potrà dire di no. Provare per credere.

Tellabab: il kebab alla Nutella conquista Sidney (FOTO)

photo credits: troktiko

Buone notizie per i golosi, gli amanti del kebab, del cioccolato e di tutto ciò che ci fa assumere calorie anche solo con lo sguardo: è stato inventato il Tellabab. Di cosa si tratta? Di un dolcissimo cibo che non è altro che un kebab in versione rivisitata, in coppia con la crema di nocciole più famosa al mondo: la Nutella.

L’ideatrice di questo tripudio di golosità è una pasticceria di Sidney, il luogo giusto dove cercare e trovare cibi che deliziano il palato di ogni tipo e forma.
I proprietari del Tella Balls Dessert Bar -è questo il nome della pasticceria- non hanno badato a calorie ed hanno rivoluzionato anche la formula di quello che avrebbe dovuto essere semplice pane. Al posto della classica piadina o focaccia, infatti, troviamo una pasta realizzata con l’impasto delle doughnut, le ciambelle americane preferite da Homer Simpson, farcite con scaglie di cioccolato bianco ed al latte. L’impasto viene sistemato su uno spiedo verticale simile a quello del kebab di carne e viene servito in vari modi: con fragole fresche, pezzetti di banane e colate di Nutella abbondanti.

L’aspetto è davvero invitante ed il gusto sembra sensazionale, tuttavia bisogna riconoscere la difficile digeribilità di questo mistico prodotto.
Il Tellabab è la nuova frontiera del food mash-up ed il suo successo ha già attraversato vari continenti. Non sarà raro, quindi, trovarlo presto nelle pasticcerie di tutto il mondo e deliziare il nostro palato nei momenti in cui non desideriamo altro che un dolce a tutti gli effetti.