Cibo

Home Food Cibo Pagina 33
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Hell’s Kitchen Italia: due ricette dalla prima puntata

msn.com

E’ iniziato ieri Hell’s Kitchen Italia, il format storico di SkyUno HD che ha avuto origine negli Stati Uniti dalla geniale idea dello chef britannico Gordon Ramsay e che ora sbarca anche nella nostra penisola.

Alla conduzione, come mentore, maestro ma soprattutto giudice vi è il tenebroso e affascinante Carlo Cracco, lo chef vicentino con tre forchette Gambero Rosso e una valutazione di 18.5/20 sulla Guida l’Espresso.

Ad essere valutati dal severo ed inflessibile cuoco saranno 16 professionisti del mondo della cucina divisi in due squadre – la rossa per le donne e la blu per gli uomini – ma solo uno di loro avrà la possibilità di vincere un ambitissimo premio: un contratto di 6 mesi nel primo ristorante di Hell’s Kitchen al mondo che aprirà all’interno del Forte Village, un lussuoso resort in Sardegna dove Ramsay ha il suo ristorante.

Ma adesso veniamo alla parte più prettamente tecnica e culinaria: le ricette. Lo chef Cracco ne ha presentate due nel corso della puntata: i maccheroni alla norma – uno dei primi presenti nel menù ufficiale della cucina – e il carpaccio di manzo con lamponi e soncino.

Maccheroni alla norma

Ingredienti:
maccheroni
pomodori pachino
melanzane
farina
basilico
ricotta salata
aglio
olio
sale
pepe

Preparazione: Per prima cosa bisogna far bollire la pasta. Poi prendere dei pomodori pachino tipici della Sicilia – come lo è anche questo piatto – e tagliarli. Riversare i pomodorini in una padella in cui si era precedentemente versato dell’olio e uno spicchio d’aglio fatto andare in camicia. Fare una salsa di pomodoro a cui aggiungere in seguito un ciuffo di basilico lasciato intero (perché tanto andrà successivamente tolto insieme all’aglio). Prendere poi una melanzana e tagliarla a fette sottili di altezza mezzo centimetro, passarle nella farina e friggerle in olio ben caldo. Scolare la pasta e aggiungerla nella padella con la salsa di pomodoro. Saltare il tutto in modo da mantecare la pasta e non slegare fra di loro gli ingredienti. Fare asciugare un po’ i maccheroni dopo di che servirli al centro del piatto mettendo qualche melanzana a fianco come guarnizione e infine dare una grattugiata di ricotta salata. Se lo si desidera condire il tutto con un filo d’olio che non stona.

Carpaccio di manzo con lamponi e soncino

Ingredienti:
carpaccio di manzo
lamponi
micro soncino
aceto di vino
olio
sale
pepe

Preparazione: Tagliare delle fette di manzo, metterle sotto la carta forno e batterle fino a renderle sottili ma non troppo, perché la carne non deve essere disfatta. A parte prendere un piatto su cui disporre il soncino lavato accuratamente e di piccole dimensioni, micro appunto, in modo che si presti meglio a presentare il piatto. Poi schiacciare due o tre lamponi con la forchetta, metterli in una scodella e aggiungere un po’ di olio, un po’ di sale e un po’ di agretto per realizzare il condimento. Sopra l’insalata adagiata alla base del piatto stendere le fette di carne e quindi insaporirle con la salsa di lamponi. Per la guarnizione: prendere un paio di uova sode belle dure, separare il bianco dal giallo e passare le due parti al setaccio, realizzando la mimosa. Magari aggiungere un filo d’olio perché la carne va sempre condita, poco ma va condita.

Attenzione: il sushi fa ingrassare

Il sushi? Un piatto amato da milioni e milioni di persone in tutto il mondo – sopratutto dalla generazione femminile – che sta sbancando in tutte le città del pianeta (preparatevi, perché tra poco arriverà anche la versione con la frutta).
Quello stesso sushi che è generalmente considerato un piatto light e sano – oltre che delizioso – proprio perché a base di riso, pesce ed alghe. Quello stesso sushi che, in realtà, contiene parecchie calorie, soprattutto quando si tratta di piatti elaborati dal gusto occidentale.
Il pericolo di mettere su chili è dietro l’angolo.

Secondo la dietista Rachel Beller, autrice del libro “Eat to lose, Eat to win”, un pranzo – ritenuto dai più – leggero, a base di sushi, può rappresentare un’overdose di calorie e carboidrati.
Con una media di 1000 calorie a pasto, oltre che una buona dose di carboidrati e sale, è uno dei piatti meno sani che ci siano, pari quasi al junk food.
Il problema sta proprio nell’eccessiva quantità di carboidrati, e quindi di zuccheri, nell’elevata presenza di sale, e nei troppi pochi grammi di pesce, alghe e verdure. Per non parlare, poi, delle salse come la maionese o dei formaggi che, in tutti i ristoranti giapponesi aperti in occidente, vengono aggiunti a sproposito, quasi per peggiorare la situazione.

“Un rotolo di sushi tipico contiene 290-350 calorie e parlando di carboidrati ha l’equivalente di quattro fette di pane – afferma la Dottoressa Beller – Un California roll (cioè del sushi arrotolato che contiene un piccolo pezzo di pesce, maionese e avocado) è uguale a due panini farciti con bastoncini di granchio, una scheggia di avocado e un po’ di verdura”.
Il principale colpevole è il riso, che compone il 75% del piatto: non è bollito in acqua e viene insaporito con aceto di riso; è dunque particolarmente ricco di carboidrati e zuccheri.
Quanto al pesce contenuto nei sushi roll, spesso si tratta di nient’altro che polpa di granchio, un composto di pesce pieno di coloranti e conservanti.
Si arriva al peggio, poi, quando si intinge il sushi nella salsa di soia, che praticamente equivale a sale liquido.
Un altro problema è che il sushi non sazia: le persone dotate di grande appetito non potranno trovare in queste piccole porzioni un riempimento per tutta la giornata.

Ma non è detto che chi è attento alla propria linea deve per forza di cose rinunciare al sushi. Può concederselo ogni tanto come ricompensa, oppure mangiarlo più spesso, ma con moderazione, e preferibilmente nelle sue varianti poco elaborate.

[Credit: ilMessaggero]

Cucina Mancina: la prima community per chi mangia “diverso”

Negli ultimi anni è cresciuto sempre di più il numero di persone che dalla propria dieta è costretto ad eliminare qualcosa: intolleranze al lattosio, allergie a qualsivoglia alimento, celiachia, ma anche semplici problemi di digestione legati a qualche molecola presente in alcuni classi di alimenti che costringono a bandirli dal proprio quotidiano.

È questo il motivo per cui è nata Cucina Mancina, la community per tutti quelli che mangiano o sono costretti a mangiare in modo differente.

Il nome della community è presto spiegato sul sito stesso: mancino è da sempre sinonimo di mancante, diverso, da correggere, il mancino è colui che si distigue dalla norma (right) e che reinterpreta il mondo secondo la propria peculiarità (left). Così anche coloro che non possono mangiare determinati alimenti sono considerati “diversi“.
Mancini alimentari sono quindi una larga fetta di popolazione, sono vegani, vegetariani, allergici, celiaci, coloro che devono prestare attenzione al colesterolo, chi soffre di ipertensione e diabetici: per ognuno di loro esiste una segnaletica specifica nella community che aiuta ad identificare subito quali ricette sono adatte alla propria categoria di appartenenza.

Il popolo dei diversamente onnivori, un trend di crescita si chiama a raccolta, diventa un movimento e anche una food community.

Il sito, fondato da Lorenza Dadduzio e Flavia Giordano – la prima è imprenditrice e direttrice creativa di un visual design studio, la seconda consulente per le politiche giovanili – offre insieme alle ricette anche altri strumenti: la possibilità di interagire e scambiarsi idee e opinioni con gli altri mancini alimentari e un database dove vengono raccolti indirizzi e informazioni di negozi e ristoranti adatti ad ognuna delle categorie proposte nel sito.

Alla popolazione del sito può partecipare chiunque: basta avere una ricetta o notizia mancina originale e interessante da inviare alla redazione.

Le due fondatrici hanno anche già pubblicato un libro, “Eat Different“, nel quale hanno individuato otto diverse mancinità: vegetariano, vegano, senza glutine (sempre più diffuso anche nelle diete ipocaloriche), senza lattosio, pochi grassi, pochi zuccheri, poco sodio, curiosi alimentari, tutte abbinate ad un simbolo, cui si aggiungono anche una serie di sottocategorie, come “No soia”, “No pesce” o “No nichel”. A loro, e a tutti quelli che con un mancino alimentare hanno a che fare, dalle mamme ai fidanzati, amici e colleghi compresi, è dedicato dunque “Eat different”, un vero slalom alimentare tra 72 ricette firmate da un folto popolo di chef, food blogger e appassionati di cucina, che se evitano alcuni ingredienti, non rinunciano mai al gusto di un buon piatto.

Chi lo dice che essere vegano, vegetariano, celiaco etc, è sbagliato o diverso?

Meno controlli sul cibo, rischio carni infette a tavola

Stando a quanto afferma l’Unison, organizzazione britannica per il controllo alimentare, sconcertanti sono le proposte avanzate da Bruxelles in merito ai controlli sui cibi: la nuova legislazione europea andrebbe, infatti, a colpire proprio gli organi addetti all’ispezione alimentare, limitando le loro facoltà di supervisionare la qualità dei prodotti e di disfarsi di quelli al di sotto degli standard.

Soltanto tra 2013 e 2014, sono stati più di due milioni i casi di verme solitario riscontrati tra le carni rosse d’Oltremanica, ma anche quelle bianche sono risultate in buon numero immangiabili: tre milioni i polli infetti rifiutati a causa della contaminazione da feci – causa principale della tossicità alimentare nel Regno Unito.

Eppure, la Commissione Europea sostiene di dover rivedere l’attuale legislazione relativa ai cibi: la regolamentazione delle ispezioni sui prodotti suini è già cambiata e da giugno costringerà gli ispettori – che finora avevano sezionato il cranio degli animali per sincerarsi che non fossero portatori di malattie non visibili all’occhio umano – ad attenersi al solo criterio visivo.

L’Unison ha, allora, accusato il governo britannico di aver fatto pressione alla Commissione Europea per ottenere misure meno restrittive che permettessero di ridurre i costi di produzione. La maggior parte delle persone è all’oscuro del fatto che esista un esiguo numero di gruppi d’ispezione alimentare e veterinaria che ogni giorno ne garantisce l’incolumità, lavorando in condizioni tremende, tra sangue e carcasse animali, per preservarle dal consumo di carni infette.

Ma, nonostante la loro solerzia, gli ispettori alimentari sono i primi a essere attaccati e non soltanto dagli operatori del settore alimentare: a metterli adesso in seria difficoltà sono addirittura i governi nazionale ed europeo.