Cibo

Home Food Cibo
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Tree of 40 Fruit: un albero da frutta molto particolare

focus.it

Un albero in grado di produrre da solo 40 varietà di frutti diversi. È questa la straordinaria invenzione di Sam Van Aken, un professore d’arte dotato di una grande passione per la botanica.

Nato e cresciuto in una famiglia di agricoltori, Sam ha iniziato a lavorare al progetto del Tree of 40 Fruit – questo il nome dell’albero – a partire dal 2008: in quell’anno infatti ha chiuso il frutteto della New York State Agricultural Experiment Station, uno dei più grandi e antichi frutteti urbani della città di New York.

Per evitare l’estinzione di centinaia di varietà native di frutti con nocciolo Sam se ne è fatto carico e ha trovato una soluzione quanto mai originale per proseguire la produzione. Dopo aver lavorato su circa 250 specie di frutti il professore-botanico ne ha selezionati una decina, con tanto di timeline dei tempi di fioritura e maturazione di ciascuna.

Da qui è partita la catena di innesti su un singolo albero da frutto e dopo 5 anni e centinaia di tentativi il sogno di Sam è divenuto finalmente realtà. L’albero dei 40 frutti ha cominciato a crescere e germogliare sempre più, arrivando ad ospitare sui suoi forti rami decine di varietà di prugne, pesche, pesche noci, albicocche, ciliegie, mandorle.

Un lavoro straordinario e imponente, utile non solo alla salvaguardia e alla protezione di specie botaniche a rischio di estinzione ma che potrebbe anche avere successo in ambito domestico. Chi si prende cura dei 16 esemplari di questa miracolosa pianta racconta infatti che essa produce l’esatta quantità di frutti con la giusta alternanza.

Un modo innovativo e particolare per avere in tavola una sana varietà di frutti, evitando insieme inutili sprechi.

Tramezzini ricette con il salmone

Tramezzini ricette con il salmone: freschi e sfiziosi, adatti all’estate.

Che siate al mare o in montagna non scordatevi di portar con voi uno spuntino. Il salmone è perfetto per l’estate: sapido, ricco di omega 3 e proteine.

Ecco le nostre idee.

Tramezzini ricette con il salmone: il classico

Per questo tramezzino potete optare per il pane bianco a fette, il pan carrè ed il pane integrale.

  • Salmone e maionese

Ingredienti: salmone a fette, pane per tramezzino, maionese

Spalmate le fette di pane con la maionese, poggiateci sopra il salmone, chiudete e mettete in frigo.

  • Rucola e salmone

Ingredienti: rucola, salmone, maionese, pane integrale, olive verdi snocciolate

Spalmate le fette di pane con la maionese, poggiateci sopra il salmone, la rucola, le olive senza nocciolo schiacciate, chiudete e mettete in frigo.

  • Uova e salmone

Ingredienti: uova sode, uova di lompo, pomodori, maionese, pan carrè

Spalmate le fette di pane con la maionese, poggiateci sopra il salmone, le uova sode a fette, il pomodoro a fette e concludete con un cucchiaino di uova di lompo, chiudete e mettete in frigo.

Salmone e Philadelphia

Ingredienti: salmone a fette, pan carrè, Philadelphia e lattuga

Spalmate le fette di pane con il Philadelphia, aggiungere le fette di salmone e le foglie di lattuga ben lavate ed asciugate. Chiudete e mettete in frigo.

Tramezzini ricette con salmone arrotolato

Per fare queste due ricette avete bisogno di fette di pane morbido bianco, carta da forno e un mattarello.

Per prima cosa occorre stendere un foglio di carta da forno, poi ci si adagia sopra la fetta di pane, quindi un altro foglio. Si passa il mattarello avanti e indietro per appiattire bene il pane.

A questo punto rimossa la carta si spalma e si aggiunge il condimento. Si arrotola il pane su se stesso e si taglia a fette in modo da ottenere delle girelle.

Le farciture da accompagnare al salmone sono: mousse di tonno, mousse di polpa di granchio, fettine di avocado e di cetriolo tagliato sottilissimo con la mandolina.

I dolci perfetti per la festa della mamma

L’11 Maggio è la festa della mamma ed essendo una festa ha bisogno di zucchero in abbondanza per essere speciale.
Un po’ di sciroppo d’acero, qualche cucchiaio di cacao, zucchero a velo che scende a pioggia, farina setacciata e gocce di cioccolato a gogò sono gli ingredienti base per rendere unica e memorabile la festa della mamma.

Si sa che i dolci sono la portata che ogni persona aspetta durante un pranzo, una cena, o una festa per l’appunto.

Ed ecco qui una carrellata di proposte di dolci tipici per la festa della persona più importante della vita di tutti gli uomini.

Uno dei dolci classici è la torta alle rose, tipico della tradizione culinaria mantovana. La torta delle rose è realizzata con una pasta lievitata ricca di burro e zucchero che viene arrotolata assumendo la caratteristica forma di un cesto di boccioli di rose che dà il nome a questo gustoso dolce.

Gli ingredienti per la base sono:
500 gr di farina, 3 uova medie, 1 cucchiaino di miele, un pizzico di sale, 200 ml di latte,10 gr di lievito, 1 bustina di vanillina, 80 gr di zucchero, 100 gr di burro e una scorza di arancia grattugiata.
Mentre gli ingredienti per la farcia sono:
1 tuorlo d’uovo, 4 cucchiai di panna.
Procedimento:
In una ciotola mettere il lievito col latte ed il miele, mescolare fino a sciogliere tutto il composto. Aggiungere la farina e mescolare.
Dopo di che unire tutti gli altri ingredienti (il burro deve essere ammorbidito) per la base e lavorarli per un 15 minuti.

Quando l’impasto sarà ben elastico stenderlo sul tavolo, dargli la forma di una palla, metterlo in una ciotola spennellata di burro, che andrà ricoperta con della pellicola per farla lievitare per circa 2 ore.
Intanto per la farcia bisogna mettere il burro ammorbidito dentro alla planetaria unendo lo zucchero, montare tutto fino a ottenere un composto bianco e spumoso, al quale unire la farina di mandorle e la panna a temperatura ambiente.
A questo punto prendere l’impasto e stenderlo col mattarello, spalmarlo con la marmellata e la crema di burro e arrotolarlo.
Tagliare il rotolo ottenuto in 12 pezzi di 5 cm l’uno.
Prendete una tortiera e ponete dentro le rose ottenute lasciando qualche spazio fra di esse.Mettere la tortiera nel forno e lasciarla lievitare per 1 ora, quando saranno raddoppiate di volume cospargerle col tuorlo battuto misto alla panna. Tocco finale? Mandorle tritate sopra le rose e poi in forno a 160° per una cinquantina di minuti.

Ma se si vuole stare più leggeri esiste un dolce al cucchiaio tanto buono quanto goloso: Mousse di fragole.

Ingredienti:
700 gr di fragole, 300 ml di panna, 240 gr di meringa all’ italiana (80 gr di albumi, 160 gr di zucchero, 60 ml di acqua, un pizzico di sale e qualche goccia di limone), 15 grammi di colla di pesce ed 1 limone spremuto.

Procedimento:
Innanzitutto, dopo aver lavato per bene le fragole, frullarle col limone ed intanto mettere la colla di pesce in una ciotola piena di acqua fredda per farla sciogliere.
Mettere 3 cucchiaini di purea di fragole in un pentolino col fuoco dolce e far sciogliere per bene la colla di pesce. Quindi aggiungere il resto della purea e mescolare per bene.
Dopo aver preparato la meringa, e quando sarà completamente fredda, aggiungerla al composto di fragole e mescolare delicatamente per non farla smontare.
L’ultimo passa da fare è preparare la panna fino a farla diventare semimontata, incorporarla al resto ed amalgamare il tutto.
A questo punto mettere la mousse in delle coppette monoporzione e riporle nel frigo per farle raffreddare.

Questi sono due dolci classici per festeggiare le mamme, ma ci sono altre opzioni come la torta di albicocche, i cupcake decorati di pasta di zucchero e dolci cioccolatosi.
Insomma in cucina serve sempre della fantasia, ma per stupire le mamme in questo caso serve anche della magia e tanto amore.

Energia, gli alimenti che aiutano a ritrovarla e mantenerla

hnonline.sk

Avere un calo di energie sul posto di lavoro è una costante più che normale per qualsiasi persona. Una riunione interminabile e noiosa oppure intere giornate passate davanti ad un monitor o a centinaia di fogli possono naturalmente minare la propria riserva di energia e dare quel senso di affaticamento e spossatezza tipico di ogni lavoratore.

E quando il caffè non basta più a riattivare il normale funzionamento del nostro cervello, si può sempre fare ricorso ad una serie di alimenti che ne sono i degni sostituti. Per avere un’energia istantanea i cibi consigliati sono l’olio di cocco, i cornflakes, la zuppa di miso, l’ananas e l’uvetta.

L’olio di cocco, grazie ai suoi alti livelli di acidi grassi, consente di accelerare istantaneamente il metabolismo e di fornire un buon quantitativo di energia in più. Ottimo come sostituto dell’olio d’oliva in cucina, può essere usato anche da spalmare su una fetta di pane tostato.

I cornflakes, con il loro alto indice glicemico, sono l’ideale per uno spuntino pomeridiano. La mattina infatti, per la colazione, sono consigliati alimenti a lenta combustione, che sostengano più a lungo il livello di energia. Una ciotola di cornflakes al pomeriggio invece, è l’ideale per dare una “sferzata” di energia che duri una o due ore.

Il famoso piatto giapponese di zuppa di miso aiuta a rendere migliore il rendimento della dopamina – un neurotrasmettitore del cervello – fornendo un aumento di energia nel metabolismo.

Se mangiata come dolce a fine pranzo, l’uvetta sarà un ottimo sostituto del caffè. Il suo apporto di carboidrati complessi e il suo alto contenuto di ferro infatti è in grado di garantire una immediata sensazione di ritrovata energia.

Ci sono però anche altri alimenti che possono aiutare il nostro organismo a mantenere un buon livello di attenzione e di concentrazione, non per qualche ora bensì per l’intera giornata.

Un sandwich integrale di pollo ad esempio, è un alimento con un alto contenuto di vitamina B e, combinato con le proteine magre contenute nel pollo, diventa un pasto in grado di rilasciare l’energia a poco a poco, in modo da poter essere attivi tutta la giornata.

Le sardine poi sono un alimento che all’apparenza potrà sembrare piccolo ed inutile, ma che in realtà nasconde molte sostanze utili al nostro organismo. Gli Omega 3 di cui è ricco questo pesce sono infatti necessari per l’efficiente funzionamento del cervello e del corpo a livello cellulare. Inoltre il ferro, contenuto in abbondanza in questo alimento, è un ottimo alleato per mantenere alti i propri livelli di energia.

Un formaggio come il crescione presenta anch’esso un alto quantitativo di ferro al proprio interno e la presenza della vitamina C aiuta a migliorarne l’assorbimento, favorendo un miglior trasporto dell’ossigeno nel sangue.

I semi – siano essi di girasole, di lino o di chia – sono un alimento sano ed energetico: il loro basso indice glicemico infatti è importante per mantenere un livello costante di energia nel proprio corpo.

Le patate poi – si sa – sono alimenti ricchi di carboidrati, il miglior alleato per avere carburante energetico sufficiente per un’intera giornata. Mangiarne un certo quantitativo durante la settimana non può fare altro che aiutare il nostro cervello a mantenere alti livelli di concentrazione e di energia.