Warning: Use of undefined constant HTTP_USER_AGENT - assumed 'HTTP_USER_AGENT' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/admin/web/blogdilifestyle.it/public_html/wp-content/themes/Newsmag/header.php on line 1
diete

Diete

Home Food Diete
Diete, consigli e trucchi per dimagrire

Dimagrire bevendo acqua

credit: stilenaturale.com

L’acqua è un elemento importante per il nostro organismo: aiuta a restare in forma, e se associata ad una giusta quantità calorica, nel tempo favorisce la perdita di grasso in eccesso. In che modo?

Il suggerimento medico di “bere più acqua” è utile per mantenere un peso equilibrato, e non a caso il corpo umano è composto dal 65% di acqua. Gli esperti hanno evidenziati gli effetti che porterebbero al dimagrimento: bevendo acqua ‘si riempie la pancia’, portando a un senso di sazietà e quindi ne consegue una diminuzione del senso di fame. L’acqua sostituisce le bevande ricche di zuccheri, ci mantiene più attivi durante il giorno, ed elimina le tossine che rallentano il metabolismo. Questi fattori sono legati ad un altro elemento confermato dalle ricerche cliniche: la termogenesi, cioè la produzione di calore dell’organismo.

Da uno studio effettuato in Germania nel 2003, i ricercatori hanno scoperto l’effetto dell’acqua sul nostro organismo, verificando la velocità alla quale le calorie vengono bruciate per produrre energia. Secondo gli esperti, bere due bicchieri d’acqua da 500 ml a temperatura ambiente (quindi 22 gradi) al giorno, aumenta del 30% il tasso metabolico, sia negli uomini e sia nelle donne. L’effetto in genere avviene 10 minuti dopo l’apporto d’acqua, raggiungendo il suo apice a distanza di 30-40 minuti.

Nel 2011, un’équipe medica israeliana ha effettuato lo stesso studio, ottenendo un risultato simile nei bambini maschi (tra gli 8 e gli 11 anni) in sovrappeso. L’aumento, in quel caso, avveniva 24 minuti dopo l’apporto di acqua. Generalmente, infatti, nelle persone in sovrappeso il tessuto muscolare tende a essere meno idratato e quindi meno attivo dal punto di vista metabolico; di conseguenza, cambiare questo stato può favorire una maggiore combustione di calorie.

In tutti gli studi citati, si è riscontrato che l’acqua ingerita a stomaco vuoto ha avuto un effetto di breve durata sul metabolismo (tra la mezz’ora e l’ora). Per questo, i nutrizionisti suggeriscono di bere molta acqua durante il giorno, come otto bicchieri per un totale di due litri. Attenzione a non eccedere con l’apporto, sopratutto per chi ha problemi cardiaci o renali.

L’effetto dimagrante dell’acqua non si può paragonare a quello imposto dalla dieta o dall’attività fisica, ma è un contributo importante per il nostro organismo, grazie alle qualità salutari che offre. Infatti, non apportando calorie, aiuta ad eliminare tossine e scorie dal nostro organismo.

Perdere peso velocemente: 5 consigli infallibili

Credits photo: zeauniverse.com

Non si tratta di un piano alimentare ipocalorico da seguire, ma di piccoli suggerimenti che ci aiuteranno a perdere peso, per sentirci meglio davanti allo specchio. Iniziamo subito.

1. Limone

Credits photo:  bergamopost.it
Credits photo: bergamopost.it

Ogni mattina appena svegli bere due bicchieri di acqua tiepida con il succo di un limone, rigorosamente senza zucchero, aiuta a risvegliare il nostro metabolismo dopo le tante ore di digiuno. Non solo, il succo del limone, essendo ricco di fibre, aiuta a combattere la sensazione di fame e di conseguenza favorisce la perdita di peso.
Essendo un ottimo diuretico naturale, aiuta l’organismo a depurarsi e quindi a sgonfiarsi. Un piccolo suggerimento è quello di utilizzare il succo di limone anche per condire i cibi: dalle insalate, alle verdure, al pesce o ciò che più preferite.

2. Acqua

Credits photo: dimagriresenzafame.com
Credits photo: dimagriresenzafame.com

È risaputo che bere almeno due litri d’acqua al giorno fa bene al corpo, ma molti tendono ad assumerne molta meno. Un semplice trucchetto per bere di più è quello di ‘contare i bicchieri‘, dieci bicchieri d’acqua al giorno, sono sufficienti per il benessere del nostro organismo.
Bere molta acqua fa sì che aumenti la minzione, saremo così depurati e sgonfi; tra l’altro è proprio l’acqua a dare un aspetto più tonico alla nostra pelle diminuendo la ritenzione idrica. Provate a berne due bicchieri prima di ogni pasto vi aiuterà a raggiungere prima il senso di sazietà.

3. Fibre

Credits photo: foodiet.org
Credits photo: foodiet.org

Cercate di inserire più fibre nella vostra alimentazione, eliminate per quanto possibile la farina bianca e sostituitela con la farina integrale. Aumentate il consumo di frutta, verdura, legumi e cereali; via libera alla crusca, alla frutta secca, alla pasta, al riso, ai cereali e al pane integrale.
Questo perché le fibre, aumentano il senso di sazietà aiutandoci a mangiare meno, e migliorano inoltre il transito intestinale.

4. 30 minuti al giorno di attività fisica

Credits photo: benessereblog.it
Credits photo: benessereblog.it

Possono bastare? Meglio di niente almeno. Può essere utile anche una passeggiata, meglio se veloce, che aiuta a bruciare circa 100 kcal. Evitiamo gli ascensori, meglio le scale. L’attività fisica specie se costante, aiuta a perdere calorie, quindi peso, e a modellare il nostro corpo.

5. Tè verde

Credits photo: greenme.it
Credits photo: greenme.it

Tutte le sere prima di andare a dormire preparate una bella tisana calda al tè verde, meglio se deteinato, così non rischierete di passare la notte insonne.
Esso ha confermate proprietà dimagranti.
Recenti studi hanno dimostrato che assumendo quotidianamente tè verde, si riesce a perdere peso in poche settimane; inoltre, il suo utilizzo è un toccasana per la salute.

Inutile dirvi, che bisognerebbe quanto meno diminuire il numero di calorie giornaliere ingerite per ottenere risultati visibili e duraturi.
Vi assicuro che i risultati non tarderanno ad arrivare. Provare per credere.

Troppe abbuffate e tante calorie: ecco come smaltire le uova di Pasqua

Uova di Pasqua da 800 calorie. Non serve rabbrividire al solo odore di cioccolato o pensare già alla prova costume tra qualche mese. Come “smaltirlo”? Bisogna escogitare. Per un uovo di quelle “dimensioni” caloriche serviranno sicuramente più di 4 ore di camminata (meglio se a passo svelto).
Per i più dinamici un’ora e venti di corsa o anche 61 minuti di burpees, esercizi a corpo libero che fanno lavorare i muscoli. Questa la “scheda” dinamica e fitness dell’esperto inglese Darren Casey, che, in occasione delle festività pasquali, regala soprattutto ai vecchi e saggi trasgressori della linea un vero e proprio insieme toccasana per rimediare allo “sgarro” delle feste.

Se il gusto è cioccolato al latte e ci lasciamo andare a mezzo uovo di Pasqua, pari a 180 calorie – spiega Casey – l’equivalente per smaltirlo è di circa 50 minuti di camminata o 20 minuti di corsa a velocità molto sostenuta – insomma, per chi è già avvantaggiato. Per chi ha la “tartaruga al contrario”, chi l’ha donata al WWF e chi quest’estate punterà sulla simpatia, si consiglia un viaggio di pellegrinaggio a Lourdes. In alternativa ci sono il training metabolico, costituito da esercizi molto duri da sostenere per 8 minuti circa, o i burpees, gli esercizi a corpo libero, per 13 minuti. Se invece avete scelto un uovo al cioccolato fondente e se ne mangia poco meno della metà – circa 250 calorie – serviranno un’ora e 15 minuti di camminata non-stop, 35 minuti di corsa a ritmo sostenuto oppure 17 minuti di training metabolico o 19 di burpees.

Insomma, che siano fondenti o al latte, colorate, fai da te, decorate, grandi o piccole, le uova di cioccolato sono da sempre le protagoniste della nostra Pasqua e delle nostre tavole. Basta non esagerare.

Dimagrire? Basta mangiare con gli amici più magri

Da lunedì mi metto a dieta” ripetiamo incessantemente durante tutto il week end, tra una fetta di torta e l’altra. E il lunedì puntualmente aperitivo con le amiche, cena con i colleghi, compleanno della nipotina. Momenti conviviali che mettono a dura prova il peso forma, ma ai quali non si può dire di no, sia per evitare il rischio emarginazione sociale sia, innegabilmente, per la voglia di mangiare.

Un compromesso per fortuna c’è sempre, e a trovarlo sono stati gli studiosi della Southern Illinois University di Edwardsville. I ricercatori hanno infatti reclutato 82 studenti universitari e un’attrice che, a seconda dei 4 gruppi, modificasse il proprio peso corporeo con una protesi. Quattro le situazioni, due con la protesi, due senza, in cui l’attrice si serviva rispettivamente un pasto sano e uno poco salutare.

I risultati? Nei due pasti in cui l’attrice appariva in sovrappeso, i partecipanti hanno mangiato il 31,6% in più di pasta, indipendentemente dal suo. Crogiolatisi nell’inferiorità di massa corporea, i componenti del convivio hanno deciso di esagerare con il pasto, scegliendo una soluzione più dannosa.

Inoltre, secondo gli studiosi, decidere prima che tipo di pasto si vuole consumare, aiuterebbe a non farsi trasportare dalla curiosità o dalle voglie che incalzano man mano che si sfoglia il menù.

A parte tutto, scegliere le amicizie è complicato, né è possibile mangiare sempre accanto a modelle ucraine, ma decidere per sé e per la propria salute è semplice. Più volontà, meno scuse.