Eventi

Home Moda Eventi
Gli eventi del mondo della moda, sfilate e fashion week

Mipel, la mostra di pelletteria dal sapore glamour ed elegante (FOTO)

credit: arsarpel.com

Si chiude oggi la 106esima edizione di Mipel – The Bagshow, la Mostra Internazionale di Pelletteria e Accessori più glamour ed elegante di sempre.
300 brand e ancora più espositori si sono presentati a Rho FieraMilano per affacciare i loro prodotti, da borse a scarpe, da cinture a ombrelli, sul mercato nazionale e internazionale. Il risultato è stato eccezionale, e lo dico perchè l’ho visto con i miei occhi.

Tutto profuma di moda ed eleganza, nel pieno spirito di quell‘arte fatta a mano che sta scomparendo nei nostri giorni. Un tripudio di colori alla rinfusa che catturano gli occhi: giallo, bianco, rosso, verde, turchese, testa di moro, ma anche pietre preziose, paillettes, swarovski e stampe. Per non parlare poi delle forme delle borse, dalle più semplici shopping bag, ai bauletti, ai secchielli, alle mini clutch, fino a quelle più particolari, con forme geometriche che mai avremmo pensato adatte ad una borse e manici del tutto inusuali.

I settori d’esposizione erano 4: Panorama, Design Studios, Extra e Punto.it. E tanti i nomi importanti che hanno partecipato: Braccialini, J.Lo, Cromia, Ripani, Tosca Blu, Moschino, Barberi Arcadia, Nannini, Picard, Piero Guidi, Anna Cecere, Bonfanti, Roberta Gandolfi, Barbara Milanmo, Capoverso, Toscani, Pasotti… sempre con in testa una parola chiave: energia, idea portante di quest’edizione di Mipel, che sfocia nel trasformismo, che fa da sfondo alla kermesse.

La novità principale di questa edizione di Miepl è sicuramente il sostegno e la promozione di tutti i brand made in Italy – per il quale è stato appunto allestito il settore verde Punto.it.
Si sceglie così di investire sui prodotti del nostro Paese per contrastare la crisi economica, e di questo ne sa qualcosa il Gruppo Emergenti Italiani che ha partecipato al The bagshow.I tre espositori sono Gabs Franco Gabbrielli, Campomaggi e Caterina Lucchi.
Da Gabs predominano i colori brillanti e luminosi, e il flower power. L’idea di fondo è quella di creare borse adatte a tutte le occasioni, che grazie al design innovativo si trasformano da borse da giorno ad eleganti pochette. Sempre per seguire il filone della praticità, tutte le borse Gabs hanno all’interno una tracolla e una bustina con post-it integrati, che tornano sempre utili. La novità di quest’anno sono le stampe digitali di quattro borse nate dal progetto di collaborazione tra Gabs Franco Gabbrielli e NABA, la Nuova Accademia delle Belle Arti (Milano). L’obiettivo era quello di far collaborare i giovani, permettendo loro di affacciarsi sul mondo del lavoro non con idee utopistiche, ma con progetti reali e commerciabili.
Da Campomaggi si notano subito le lavorazioni preziose del nuovo intreccio, interamente fatto a mano, è proprio per quest’artigianalità che una borsa non è mai identica all’altra, ognuna ha la propria ben precisa identità. Le novità di quest’anno sono le giacche in pelle, e l’uso del coccodrillo, spesso accompagnato da borchie o tinte in capo, con forme molto semplici ed estremamente funzionali. Riproposto dall’anno scorso, ma con forme nuove, il metallizzato, con un effetto fine, elegante e giovanile al tempo stesso.
Infine, Caterina Lucchi e le sue chicche dell’inconfondibile maestria artigiana. Raffinato interccio, rafia, paillettes, chiusure vintage, e due effetti principale: femminilità e praticità. I colori della collezione Primavera/Estate 2015 di Caterina Lucchi variano dai toni accessi dell’arancio e del rosso, ai colori metallici come oro, bronzo e argento.

Un angolo della fiera era a disposizione dei Cool Hunter Italy, cioè dei giovani fashion designer Made in Italy, che hanno potuto mostrare le proprie occasioni agli interessati di tutto il mondo. Cool Hunter Italy è un’associazione finalizzata allo sviluppo, alla produzione e alla distribuzione commerciale dei prodotti italiani, in gara per il tradizionale concorso Mipel…issima. Quest’anno il premio se lo sono aggiudicati i The Warriors, una giovane designer di moda e un artigiano, che hanno ideato borse dal design mimal, trasformabili per ogni occasione: dall’andare in bicicletta con l’ombrello fino ad una serata fashion.
Fanno parte del gruppo anche Elena Casati, che debutta ufficialmente con la sua prima collezione, e Relove, dalla base grafica, con linee delicate e pulite.

A Mipel niente è quello che sembra, soprattutto perchè è un trionfo di idee geniali. Come quelle di Evatini, che per realizzare i suoi gioielli ha unito materiali “poveri” a veri e propri swarovski, per un risultato davvero eccezionale. Come le pochette rigide di Anna Cecere che, grazie alle pietre e alla gemme con cui sono costruite, illumineranno tutti i vostri look. Come il guanto di Montecristo Accessori, cucito direttamente sulla borsa, per una presa sicura ed elegante. Come i manici-rubinetto di Vitussi, e le sue borse create con interccio di foglie di fico d’india, per un risultao più unico che raro.

Per tutti coloro che non hanno potuto partecipare, ecco delle foto:

Vogue compie 122 anni e festeggia con una mostra alla Hermann Geiger

Si chiama “Vogue. Donna e stile nell’arte dell’illustrazione” la mostra organizzata alla fondazione culturale Hermann Geiger di Cecina (LI) e curata dal direttore artistico Alessandro Schiavetti per celebrare i primi 122 anni di Vogue, la rivista più famosa al mondo, che ha segnato la storia della moda.

Nata a New York nel lontano 1892 da Arthur Baldwin Turnure, Vogue da una semplice gazzetta settimanale dedicata alle donne è diventata negli anni una vera e propria “bibbia” per le appassionate di moda, di fotografia e di arte, nonché una tra le riviste di moda più famose al mondo. Tutto ciò lo si deve alla casa editrice Condè Nast che, apportando alcune modifiche, l’acquistò nel 1909 dandole così maggiore notorietà tanto da farla diventare, nel 1912, una rivista internazionale e non destinata solo ad un pubblico newyorkese.

Per la realizzazione della mostra sono state scelte accuratamente dagli archivi della Condé Nast ben settanta copertine, selezionando in particolare quelle che dalla nascita fino agli anni venti, trenta e quaranta del novecento hanno fatto la storia della rivista. L’intento è quello di attraversare il percorso che va dall’età dell’oro dell’illustrazione delle copertine, dando particolare attenzione ai capolavori di artisti come Georges Lepape, Helen Dryden, George Wolfe Plank e Eduardo Garcia Benito, fino all’avvento della fotografia di moda.

Dall’1988 ad oggi, l’attuale direttrice di Vogue US è Anna Wintour, personaggio di punta della rivista, tanto da esercitare una grande influenza anche per le altre edizioni di Vogue di tutto il mondo (tant’è che il personaggio di Mirando Prisley de “Il diavolo veste Prada” è proprio ispirato a lei).

Anna Wintour

Quando la Wintour assunse il timone della rivista apportò dei notevoli cambiamenti, ancora oggi evidenti, occupandosi in primis dell’innovazione della cover, scegliendo, per la sua prima copertina da direttrice, una modella israeliana vestita in maniera casual. La scelta non fu casuale, infatti lo scopo della Wintour era proprio quello di rivoluzionare Vogue creando un approccio realistico utile ad avvicinare la rivista al suo pubblico volendo mostrare ragazze vere in situazioni reali, lasciandosi così alle spalle il passato fatto di immagini troppo perfette e la conseguente idea che Vogue fosse solo una rivista elitaria.

Oggi Vogue conta ben 19 edizioni in tutto il mondo (e dal 1964 è edito anche in Italia dov’è diretto da Franca Sozzani).

La mostra resterà aperta fino al 18 Maggio 2014, con ingresso gratuito.

Parigi Alta Moda 2014, il fascino sfila in passerella (EVENTO)

Dopo Firenze e Milano, che hanno ospitato Pitti Uomo, Pitti Bimbo e Milano Moda Uomo, l’Alta Moda riaccende Parigi in questi giorni pieni di fascino, eleganza e lusso allo stato puro, per un calendario fitto di appuntamenti, tra sfilate, eventi e ospiti speciali. Le maison più prestigiose dell’alta moda francese, ma anche quelle made in Italy presentano dal 6 al 10 luglio le proprie collezioni Autunno Inverno 2014-2015 animando la capitale, il cuore pulsante dell’alta moda. Cinque giorni che vedranno protagonisti stili differenti accomunati da classe, creatività e arte.

Le collezioni firmate Chanel e Giorgio Armani Privé sfileranno martedì 8 luglio. Mercoledì scenderanno in passerella Elie Saab, Jean Paul Gaultier e Valentino, mentre Zuhair Murad chiuderà l’alta moda a Parigi giovedì 10 luglio.

Atelier Versace

Donatella Versace ha dato il via alla kermesse parigina, mandando in scena una delle collezioni più belle degli ultimi anni, insieme a un’ospite molto speciale, Jennifer Lopez. La cantante, amica di vecchia data di Donatella, ha indossato un total look firmato proprio Atelier autunno inverno 2014. Una collezione all’insegna della creatività che ha visto come elemento principale abiti con ampi tagli frontali, tagliati o drappeggiati con effetti particolari per mostrare la pelle sotto il tessuto. Si tratta di creazioni che coprono una sola gamba, come farebbero i pantaloni, per un’attitudine contemporanea. Come dichiara Donatella Versace: “Vera Couture. Questo è Atelier Versace. Ho voluto celebrare la costruzione e la decostruzione con una provocazione: eliminare il tessuto per rendere la couture ancora più moderna.”

Oltre agli abiti anche giacche tagliate a metà, dettagli in pelle e corsetti caratterizzati da cinghie dorate, ma anche gonne con tagli che lasciano scoperti i fianchi. Hanno sfilato anche pellicce a cappotto, blu notte, in organza sfilacciata con intarsi di visone e metal mesh di cristalli realizzati in esclusiva da Swarovsky per questa collezione. L’eleganza, la grinta e una femminilità ricercata sono stati gli elementi caratterizzanti.

Schiaparelli

Il secondo giorno delle sfilate parigine si è aperto con Schiaparelli, storico marchio che ha portato la haute couture autunno inverno agli estremi della vestibilità sartoriale. Una collezione all’insegna dell’eccesso, ma che non toglie nulla all’eleganza che caratterizza la maison di Marco Zanini. Il designer italiano ha creato abiti caratterizzati da stampe vivaci e applicazioni di design, con fantasie di farfalle stampate e fiori di jais, cristalli applicati o inserti di pelliccia e cinturoni. Le spalle sono evidenziate grazie a particolari soluzioni strutturali che fanno sì che gli abiti scendano fluidi sul corpo.

Christian Dior

Grandi ospiti per la sfilata di Christian Dior. Charlize Theron e Sean Penn sono stati i protagonisti della giornata, seguiti dai paparazzi di tutto il mondo alla ricerca di uno scatto che mostrasse l’intesa e la passione esistente tra i due. L’eleganza semplice ed essenziale caratterizza questa collezione che punta tutto sulle lunghezze, sullo sviluppo verticale, su stampe uniche declinate in un’ampia gamma di colori. Una collezione completa, con lunghi abiti bianchi, ma anche pellicce e look total black. Un viaggio nel tempo, con lo sguardo rivolto pur sempre al presente, ma l’ispirazione settecentesca è viva e si sente, reinventata con molta libertà. Il tutto avviene su una passerella rotonda, in un grande cilindro bianco nel giardino del Museo Rodin. Qui la sala è rivestita di specchi ricoperti da tralci di orchidee bianche.

Vogue Fashion’s Night Out: ecco tutti gli eventi della serata

donnaglamour.it

Una notte tutta per la moda: la Vogue Fashion’s Night Out di Milano sarà questo, ma anche tanto altro.

La serata del 16 settembre sarà una vera e propria notte bianca dell’alta moda, con negozi aperti fino alle 23:30, dj set e cocktail party sparsi per la città.

Blog di Lifestyle non mancherà certamente all’evento: foto, commenti e consigli vedranno il nostro team impegnato per documentare al meglio la serata più fashion dell’anno.

E per scegliere a quali eventi della Vogue partecipare ecco una lista immancabile per le vere ‘fashion addicted’.

La Perla e Salvatore Ferragamo – in via Montenapoleone – offrono al grande pubblico cocktail party e la presentazione di prodotti in esclusiva.

Cocktail, musica e il photocall in negozio per il launch di POLO womenswear sono invece i programmi previsti per Ralph Lauren sempre in via Montenapoleone. Tante sorprese attendono modaioli e non da Larusmiani: C party, presentazione delle nuove reflex digital sony, postazione shooting e una zona make-up, vetrina animata, possibilità per gli ospiti di vestirsi con abiti Larusmiani ed essere truccati e fotografati sono gli eventi organizzati per la serata.

Cocktail party e dj set per Philipp Plein e Pinko (via Montenapoleone). Quest’ultimo poi riserva altre sorprese dedicate al pubblico della VFNO: un live violino e la vendita di una t-shirt grafica in limited edition con dettagli dal mondo.

Rosato offrirà al grande pubblico un cocktail party a seguito della presentazione di un libro e un oggetto in edizione limitata creato apposta per l’occasione. Come esclusiva sarà la t-shirt venduta da Moncler, che verrà promossa anch’essa grazie ad uno speciale cocktail party.

Blugirl e Blumarine prevedono per il loro pubblico una candela e un bracciale inerenti al tema della moda della serata. Cocktail con la presenza dello stilista in negozio per Parosh che, in esclusiva, promuove la vendita della originalissima pochette in tessuto lurex con frange in camoscio e zip in metallo etichetta VFNO.

In Corso Como la boutique Anteprima in aggiunta al cocktail party offre la possibilità di acquistare donuts charms realizzati in materia wire, lavorazione artigianale e disponibili in diversi colori. Volete una sciarpa in limited edition? E allora non potrete mancare di far visita a Vivienne Westwood, in Corso Venezia, che lancerà in occasione della VFNO una sciarpa realizzata per l’occasione.

E voi a quale evento esclusivo parteciperete? Qualsiasi sia la vostra scelta, buona Vogue Fashion’s Night Out a tutti!