giovedì, 9 Aprile 2020

Salute

Home Salute Pagina 119
Notizie sulla salute, sugli stili di vita, scoperte mediche, farmaci, diete, fitness

16 modi per combattere lo stress

Un cambiamento dell’ambiente, un ostacolo apparentemente insormontabile, il tempo che sembra non essere mai abbastanza; quanti motivi esistono per farci schizzare il sangue nelle vene a ritmi elevatissimi?
Ma cosa succede quando il nostro corpo deve reagire a un attacco di stress?
Gli ormoni come il cortisolo aumentano esponenzialmente, il battito cardiaco accelera, la sudorazione tinge le nostre camicette con macchie indelebili e i muscoli si tendono.

Ovviamente non esiste solo una connotazione negativa del nostro fedele compagno di tutti i giorni, infatti, questo ci aiuta spesso a reagire costruttivamente e in maniera innovativa ai problemi che si frappongono tra noi e il raggiungimento del nostro obiettivo, stimolando creatività e ingegno.
Se, sfortunatamente, dovesse diventare cronico però, eccolo trasformarsi in brutte malattie quali la depressione, le malattie cardiache e in casi estremi malattie terminali.
Ecco però sopraggiungere 16 efficaci rimedi a base di stimolazione di endorfine, per ridurlo e laddove possibile eliminarlo.

1. Passeggiare nella natura

Cosa c’è di più stimolante e rilassante di una passeggiata tra le fronde?

2. Respirare

Aiuta a depressurizzare le vene e regola l’intromissione di aria per l’ossigenazione del cervello.

3. Visualizzare

La nostra vacanza ideale, un posto paradisiaco, il libro o il film preferito. Insomma, qualsiasi cosa che ci rilassi e stimoli il nostro benessere.

4. Mangiare qualcosa che ci piace

L’importante è mangiare, cosa è insignificante quando siamo agitati e abbiamo bisogno di una pausa. Unica nota: deve appagarci.

5. Regalarsi una pianta (o una serra)

Entrare in una stanza con tante piante abbassa la pressione, a dirlo non siamo noi ma uno studio degli studenti dell’Università di Washington.

6. Staccarsi dal pc

Ebbene sì, mettiamo via il computer e dedichiamoci a qualcos’altro, magari a un buon libro. Gli impulsi dello schermo sono spesso causa di perdita di sonno e agitazione.

7. Dimostrare amore

Il rimedio più antico contro tutti i mali. Baci e abbracci a non finire, e l’endorfine faranno il resto, niente più stress per chi si dimostra affetto.

8. Ascoltare musica

Meglio se classica, riduce gli ormoni dello stress e il ritmo frenetico a cui siamo abituati. Lasciamoci trasportare dalle note e tutto il resto svanirà.

9. Masticare un chewingum

Non è utile solo in aereo, ma anche nei momenti in cui di devono fare più cose insieme.

10. Ridere

Un classico. Nei momenti meno belli sembra essere impossibile, ma è necessario. Un buon film, uno spettacolo, gli amici giusti ed ecco che gli oppiacei endogeni pervaderanno il nostro corpo per regalarci una riduzione istantanea dello stress.

11. Staccare il telefono

Niente chiamate, niente impegni. Non dobbiamo rispondere per forza.

12. Assumere potassio

Mangiamo qualcosa che ci faccia bene e regoli la pressione quando siamo a corto di energie.

13. Ripetere, ripetere. ripetere

La stessa frase, lo stesso gesto, attività ripetitive aiutano a focalizzare e concentrarsi, scacciando tutti i brutti pensieri.

14. Contrarre e rilassare

Partite dai piedi, per arrivare al viso. Pian piano dovrete passare per tutto il corpo.

15. Digito-.pressate

Il punto giusto è tra la seconda e la terza nocca. Una lieve pressione aiuterebbe a ridurre lo stress.

16. Tisane non stop

No ai cibi ultra-stimolanti, sì alle tisane alle erbe naturali che sono un vero e proprio elisir per la salute.

Provate questi metodi, e scoprirete sicuramente come combattere il vostro stress e imparerete stare meglio.

50 Sfumature di Grigio e il pericolo della ‘Sindrome di Mr. Grey’

50 Sfumature di Grigio fa male al sesso, questo è quanto è stato riportato dallo psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano: si chiama “Sindrome di Mr. Grey”, ed è psicologimanete pericolosa. Si tratta, infatti, di paragonare ogni istante della propria vita, amore, relazioni e amicizia, lavoro e quotidianità, al film più sexy di tutti i tempi, uscito il 12 febbraio nelle sale di tutta Italia e incassando più di 2 milioni di euro solo il primo giorno.

Mr. Grey, il personaggio attorno a cui gira la trama del film, coglie nel segno numerosi aspetti che le donne ricercano costantemente nella loro quotidianità come la capacità di rendere speciale ogni piccolo gesto nella costante attenzione al corpo della donna. Le spettatrici si sentono così costantemente al centro della mente dell’uomo, scoprono sensazioni, parti del proprio essere femminile che non conoscevano e vivono costantemente la tensione della suspance”, afferma lo psichiatra. “Ed è qui – prosegue – che entra in gioco la ‘sindrome di Mr. Grey’, che si traduce in un forte impatto emotivo che nasce paragonando l’intensità della storia che viene riportata nel racconto, con la ‘normale’ quotidianità degli spettatori, troppo spesso caratterizzata da inerzia e lunghe fasi di stanca monotonia. Questo può far insorgere nei soggetti più sensibili un accumulo eccessivo di tensione e un forte senso d’inadeguatezza”.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere, 50 Sfumature di Grigio e la sua “sindrome” possono anche portare benefici: “Molte donne vivono in un limbo, fatto di scarsa conoscenza del proprio corpo e di sentieri inesplorati. Nel film, invece, trovano una strana piacevolezza nell’ambivalenza con cui si nutrono del rapporto di dominanza e sottomissione, in cui la protagonista sottomessa è tutto per Mr. Grey, che rappresenta il suo padrone. Questa modalità relazionale, che definirei una ‘prigione relazionale’, le fa sentire perennemente in una condizione di sottile eccitazione, che stimola la naturale propensione a prendersi cura dell’uomo, a servirlo, a pensare a lui, a cosa gli dà piacere, ai gesti del quotidiano che lo gratificheranno”, ha dichiarato ancora lo psichiatra.

Ma davanti ad un Bronzo di Riace come Mr. Christian Grey, cosa possiamo farci?
Viva 50 Sfumature, comprese le sue malattie, compreso tutto.

La moda che piace fa male alla salute

Credit: scentofobsession.com

Tutte fashion-addicted, ma le vostre nonne ve l’hanno mai detto che “chi bella vuole apparire un poco deve soffrire”?
Cosa c’entra con il mondo della moda? Be, centra: una ricerca scientifica, condotta dall’Associazione nazionale osteopati in Gran Bretagna, ha messo sotto accusa i capi d’abbigliamento più amati e acquistati perché ritenuti dannosi per la salute.

Lo studio è stato recentemente confermato anche da Tim Hutchful, presidente dell’Associazione britannica chiropratici. I vestiti più amati da tutte le donne, di ogni età e provenienza fanno male. Ci fanno male.
Gonne troppo strette, i tacchi troppo alti e i jeans eccessivamente attillati possono diventare veri e propri nemici della nostra salute. Secondo gli esperti circa il 50% degli adulti soffre di problemi fisici a causa di un abbigliamento non adatto.

Ma quali sono i capi più allarmanti?

Reggiseno. Che sia di microfibra o di pizzo, push-up o no, questo poco importa. Ciò che conta è che in sei casi su dieci, genera gravi problemi alla schiena, dolori alla spalla e disturbi al collo.

Gonne a tubino. Se sono troppo strette, allora sono anche troppo insidiose. Le gonne a tubino infatti, se troppo strette, bloccano entrambe le ginocchia, impedendo di camminare e piegarsi correttamente; a lungo andare possono creare stiramenti o problemi alle vertebre.

Gioielli pesanti. Chi non ama le collane appariscenti? Attenzione però, fanno male a spalle e collo, perché se l’accessorio è troppo pesante affatica ulteriormente i muscoli del collo, già impegnati a sostenere la testa.

Collant. Comode si, ma anche dannose e fastidiose. Comprimono eccessivamente le gambe, impedendo la corretta circolazione del sangue e possono anche limitare i movimenti della parte centrale del corpo, costringendolo a una postura scorretta.

Borse troppo pesanti. Le donne, sopratutto quelle che stanno molto fuori casa, amano le borse over size, ma la verità è che, dopo averle indossate per troppe ore consecutive, quattro donne su dieci lamentano problemi alla schiena. A riguardo, gli esperti consigliano di limitare il contenuto della borsa, facendone diminuire il peso, e alternandole con pochette e modelli più piccoli.

Cappelli. Il problema sono i cappelli troppo stretti: causa di fastidiosi mal di testa, sopratutto se il capo è indossato per tante ore.

Tacchi vertiginosi. Amanti tutte del tacco 12, attenzione. Come già abbiamo provato sulla nostra pelle, gli esperti dichiarano che indossare tacchi vertiginosi per troppe ore fa male alla schiena e anche alle dita dei piedi. La raccomandazione degli esperti è quella di usare scarpe più comode per il proprio tempo libero, ma non passate da un estremo all’altro, quindi no alle ballerine. Queste calzature fanno malissimo, perché non hanno un arco plantare e mancano dei cosiddetti ammortizzatori strutturali.

Jeans skinny. Adoratissimi, possono fare molto male alla salute di chi li indossa. Delle volte i jeans sono talmente fascianti da non permettere movimenti naturali mentre si cammina, rischiando di provocare dolori alle gambe e di impedire la circolazione del sangue.

Questi sono i capi che più rovinano la salute di chi li indossa.
Un consiglio dunque: essere alla moda va bene, ma essere in salute e stare bene è meglio.

[Credit: Repubblica.it]