Grazie ad uno studio realizzato dal social network AdottaUnRagazzo.it, tra le sue utenti, sono venuti fuori i 5 profili maschili più ricercati dalle donne italiane sul web e soprattutto sui social network, come Facebook, Twitter o Instagram.

Sole solette, con i loro pc e una bella tazza di tè, le donne si divertono a spulciare i profili di bei ragazzi. Ma, quali sono le tipologie maschili preferite dalle donne?

Al 1° posto ci sono gli uomini con i capelli rossi

Michael-Fassbender

Al top della ricerca condotta dal social network AdottaUnRagazzo.it tra le sue utenti, c’è l’uomo con i capelli rossi. L’avreste mai detto? Bè, non saranno di certo tutti come il super sexy Michael Fassbender, ma quel fascino anglosassone incuriosisce le donne italiane, forse perché sono così difficili da trovare, quasi come gli unicorni.

Al 2° posto il fighetto con i baffi

baffi

Gli uomini con i baffi danno un’immagine più autorevole di sé, potrebbe essere questo il motivo per cui le donne li cercano tanto. Ispirano fascino e mistero ed hanno un non so che di retrò, che a noi donne piace un sacco.

Al 3° posto i ragazzi con i capelli ricci

bruno

Gli uomini con i capelli ricci sono un mix perfetto di dolcezza, perché ricordano gli angioletti o i bambini, e sensualità, perché donano quell’aria selvaggia. E poi, vogliamo mettere il piacere di accarezzare la testa di un uomo riccio? Soffice e sexy da toccare. Ogni riccio, un capriccio.

Al 4° posto i tipi tatuati

Adam-Levine

Il fascino del tatuaggio è indiscutibile. Le braccia, le spalle, le gambe dipinte hanno qualcosa di primitivo che non può lasciare indifferente l’istinto di una donna.

Al 5° posto il tipo sportivo

matt anderson

Non deve essere il belloccio da palestra, un po’ pallone gonfiato, anzi, a dire la verità, quello non ci piace per niente, ma un tipo che ci tiene al suo fisico e che si diverte a tenersi sempre in movimento. L’uomo ci piace attento al corpo e allo spirito. E poi, gli addominali non li disdegna nessuno.

E voi quale preferite?

credits: www.cospopolitan.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here