È la seconda città della Spagna per numero di abitanti nonchè il capoluogo della regione della Catalogna. Stiamo parlando di Barcellona, una città nota in tutto il mondo per la sua ospitalità, la sua cucina ma soprattutto perchè è stata la residenza per molti anni del noto architetto spagnolo Antoni Gaudì. Poliedrica e versatile la “Città dei Conti” – così è stata soprannominata in ricordo del forte potere che i margravi esercitavano sulle contee in cui un tempo era divisa la città – offre ai suoi visitatori una serie di eventi, luoghi e piatti tipici adatti a ogni gusto o stagione dell’anno.

Eventi

Nei mesi invernali gli appassionati di musica possono assistere al Festival Internacional del Jazz che da ottobre e dicembre ospita grandi artisti della musica Jazz con concerti al Palau de la Música, la Sala Apolo, l’Auditori e in Luz de Gas. A dicembre poi non possono mancare le fiere di artigiani e i mercatini natalizi raccolti in particolare intorno alla Cattedrale e alla Sagrada Familia. Il 5 gennaio da non perdere c’è la Cavalcada de Los Reyes con cui la città di Barcellona accoglie, con una spettacolare parata, i Magi che vengono dal mare.
Non molto famoso eppure lo stesso originale e sorprendente è il Carnevale di Barcellona che si tiene a febbraio e i cui festeggiamenti durano per 10 giorni. A dare il via a una festa di colori, musica e molto altro è una gara di “tortilla” – una sorta di frittata tipicamente spagnola – che si tiene il Giovedì Grasso. Il momento più spettacolare però è quello della Rua de Carnaval, cioè della sfilata di Carnevale, che si tiene sulla Rambla.

Marzo e aprile offrono rispettivamente la maratona annuale di Barcellona – che parte dai sobborghi settentrionali di Badalona e si conclude a L’Hospitalet, nella zona sud della città – e El dia de San Jordi, una festa tenuta il 23 aprile in cui viene celebrato il patrono della città.
I mesi estivi sono ricchi di eventi e spettacoli: dalla Verbena de San Joan in cui il 23 giugno i catalani accendono falò in spiaggia e festeggiano con spettacoli pirotecnici l’inizio dell’estate, ai Castells, una tradizionale gara di piramidi umane in cui la più alta vince.

La fine dell’estate vede prospettarsi la celebrazione più importante della città: la Festa della Mercè che si tiene nella settimana del 23 settembre per festeggiare con centinaia di attività – fra cui esibizioni acrobatiche con aeroplani, mongolfiere e paracaduti – la santa patrona della città di Barcellona.

Luoghi “anticonvenzionali”(e non) da visitare

Ma la città di Barcellona, nella sua essenza più profonda, non è un città da divertimento sfrenato e feste a tutte le ore. Come scrisse George Orwell “Quando si dorme all’aperto ci si sveglia sempre all’alba, e non c’è un caffè a Barcellona che si apra molto prima delle nove”. Ecco perchè la città, oltre a eventi e manifestazioni di ogni genere, offre anche ai visitatori più “tranquilli” una serie di luoghi e monumenti da poter visitare in tutta calma. Al di là delle classiche attrazioni turistiche – come la Sagrada Familia, casa Battlò e La Rambla – Barcellona riserva una serie di luoghi che le guide turistiche non indicano (quasi) mai.

Ecco così che troviamo il Palazzo Reale di Pedralbes nell’omonimo ed elegante quartiere residenziale che ospita anche il Monastero di Pedralbes, un gioiello dello stile gotico catalano. Oppure i suggestivi luoghi naturali come il Labirinto d’Horta – un giardino museo costituito da un labirinto di cipressi – e la Carrettera de las Aguas, una strada di collina da cui si può godere il panorama di tutta la città di Barcellona.

Cucina e alloggi

Barcellona è una città straordinaria anche per la cucina e i piatti tipici che offre. Se si vuole mangiare qualcosa di veramente locale e caratteristico non può mancare la visita alla Boqueria, il più grande mercato di Barcellona e della Spagna che si trova al numero 91 della Rambla. All’interno di esso troverete non solo un “classico” mercato, ma una vera e propria fiera culinaria in cui poter assaggiare quanto di più tipico vi è della cucina catalana.

Per coloro che volessero mangiare una buona paella tipicamente spagnola i ristoranti di Barcellona più consigliati sono lo storico 7 puertas, il Cal Pinxo(antistante il porto vecchio a Palau de Mar) e La Xarxa in Plaza Molina.
Per gli amanti delle tapas invece vi sono due possibilità di scelta: le tapas creative di ristoranti quali il Tickets, il Ten’s(in via Avinguda del Marquès de l’Argentera, 11) o il Tapas24 oppure quelle più tradizionali offerte dal Montesquiu in via Mandri 56 e dalla Casa Fernandez (in via Carrers de Santaló 46).

I migliori hotel della città, per completare al meglio il proprio soggiorno a Barcellona, sono invece quelli nelle zone del Barrio Gotico,di Gracia e di El Raval.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here