Credit Photo: www.vanityfair.it

Quelle complicate siamo noi, le donne.
Quelle che parlano a metà e hanno già detto tutto. Quelle che dovresti aver capito cosa vogliono dire da come stanno in silenzio. Quelle da cui gli uomini, per una questione di difesa personale, hanno adottato strategie tipo: “Sì amore, quel vestito ti sta d’incanto”, ma lo immaginano indossato da Belén.

Ad ogni modo con la parola uomo – prova a cercare sul dizionario, giuro – si fa riferimento ad un essere umano fatto di una materia semplice e di elementi pensanti basici, dotato di una peculiarità inconfondibile: non c’è niente al mondo che una donna non riesca ad estrapolargli dalla bocca. E, amiche credetemi, nel momento in cui ha parlato ha detto tutto quello che intendeva dire, davvero. Inutile fare l’analisi logica, grammaticale e sentimentale delle sue parole: ha parlato.

Ma quando non parla, invece, cosa intende dire?

Sarò breve e andrò dritta al punto, proprio come un uomo.

Ti voglio portare a letto

Merita la pole position e non per discriminare il genere, ma perché è vero.
Quando una donna fa colpo su un uomo questo, poi, se la vuole portare a letto a tutti i costi. Diventa un chiodo fisso nella sua testa, una musica ritmica a intervalli regolari, tipo: “sei bella – ti voglio portare a letto – con te sto bene – ti voglio portare a letto – sei intelligente – ti voglio portare a letto – domani pioverà – ti voglio portare a letto”. E così via.

Sì, sei ingrassata. E per fortuna

È che se lo dice nella migliore delle ipotesi ottiene una reazione simil catastrofe naturale fatta di insulti, di tu non mi capisci, di allora non ti piaccio più e sei pure un ruffiano. La verità è che la tua cellulite nemmeno la vede, ma le mani sui fianchi rotondi le posa volentieri. E adora mangiare con te.

PS: C’è poi la variante: “No, non ti vedo più magra. Per me sei sempre uguale”. Vale come per le doppie punte tagliate dal parrucchiere: non notano i cambiamenti drastici, fattene una ragione.

Non mi dispiace affatto che esci con le tue amiche

No. Gli fa piacere.
Cioè, per una sera può uscire con i suoi amici e non sentirsi in colpa per come lo guardi, oppure starsene indisturbato sul divano a bere fiumi di birra e guardare programmi che adora, e, secondo te, gli di-spia-ce? No.

Guardo ancora YouPorn

Sì. E dovresti farlo anche tu secondo lui. Cioè: che male c’è?
Non è che tu non gli basti, o che allora chissà da quali pensieri perversi viene assalito. Ma l’autoerotismo fa parte di quelle necessità fisiologiche, nonché appaganti come poco altro al mondo.

Non mi piace come sei vestita

E non capisce nemmeno perché per te non sia sufficiente un abbinamento maglia-pantalone o maglia-gonna o, al massimo, un vestito unico. Tutto il resto sono solo chiare complicazioni nello spogliarti, punto.

Ah. I tuoi rossetti: li odia tutti in realtà.

Guardo le altre donne

Sì, le guarda. Con molta probabilità pensa che la tua migliore amica sia una gran figa e di tutte le altre avrà trovato senz’altro qualcosa che gli piace. Funziona così, rassegnati: le belle ragazze vanno guardate, i bei seni vanno guardati, i bei fondoschiena vanno guardati anche loro.

Mia mamma cucina meglio di te

Apprezzo lo sforzo, sei stata gentile nel cucinare per me, ma domenica andiamo a pranzo da mia mamma?

Sono geloso

Solo gli stalker lo dichiarano. Un uomo ammette difficilmente di essere geloso perché significa mettere a nudo il proprio ego. Ma, soprattutto, perché il suo problema non è chi ti ha guardata, ma chi ti ha guardata nonostante tu sia con lui.

Bado ad ogni tua azione social

Ogni foto. Ogni post. Ogni canzone. Sì, anche ogni commento/attività effettuata sui social passa per la sua sorveglianza. Inutile che tu faccia in modo di catturare la sua attenzione: non gli sfugge niente.

Dove sei? Cosa stai facendo? Con chi?

No, non lo dice. Ma quando non rispondi al telefono, oppure quando litigate, anche lui si tartassa di domande. Esattamente le stesse che ti poni tu, è garantito.

Parli troppo

E non mi interessa di quello che ti ha raccontato la tua collega al lavoro.
In realtà preferisce tutti quei discorsi su di voi, sul vostro futuro e tutte quelle cose che lo fanno sentire al posto giusto, nel momento giusto e con la donna giusta: sta crescendo anche lui.

Come hai fatto a stare con quello lì?

È inutile, qualsiasi uomo venga prima o dopo di lui non sarà mai abbastanza per te.

Affermano, inoltre, di omettere anche cose come:

– Non ci voglio venire con te al concerto di Tiziano Ferro
– Il CD che mi hai fatto lo ascolto solo se in macchina ci sei anche tu (sono costretto)
– Albachiara (o qualsiasi altra canzone must) è la terza volta che la dedico ad una ragazza
– Non sopporto tua madre
– I film romantici piacciono anche a me (ma non capisco perché piangi già dal titolo)
– Non mi piace il tuo gatto
– La domenica pomeriggio sei single, c’è la partita
– La domenica pomeriggio non voglio venire a fare shopping con te, c’è troppo caos
– Se una cosa la sai fare meglio di me, allora fattela da sola
– Ti amo.

E magari non lo dice spesso, non lo dice sempre, non lo dice quando vorresti, ma ti ama. A modo suo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here