Tintura capelli uomo: guida alla colorazione, ovvero tutto ciò che c’è da sapere sul mondo della tintura for men.

Cos’è che spaventa più di tutto sia uomini che donne? L’atomica? Le guerre? L’aumento dell’Iva? No, il capello bianco.

Niente ti atterrisce di più come alzarti la mattina e scoprire che quello che ieri avevi creduto essere un abbaglio, è invece una manciata di capelli candidi.

Li sentite i brividi sulla pelle?

Le donne ormai sono esperte, il bello è che anche gli uomini sono diventati insofferenti al capello bianco e desiderano prestare particolare cura al loro aspetto.

Tintura capelli uomo: il brizzolato non è glam

Una volta il brizzolato faceva tendenza, un po’ di saggezza, un po’ maturità alla George Clooney, per la serie “sono come il vino invecchiando miglioro”.

E invece secondo Vanity Fair l’uomo brizzolato si è estinto. Al primo accenno di candore via che si prende appuntamento dalla parrucchiera.

Ma voi, maschi intrepidi che temete il gossip cittadino (metti che poi ti vedono dal parrucchiere) ma non l’arte del fai da te, potete contare su di noi per una guida su come tingervi i capelli.

Tintura capelli uomo: guida alla colorazione

Non è detto che abbiate i capelli bianchi magari vi siete stancati del vostro colore e volete cambiarlo. In ogni caso quello che vi occorre è una tintura.

Se si tratta solo di cambiare colore può andar bene un semipermanente che sparisce dopo cinque o sei lavaggi. Non ha un grande effetto coprente.

Bene i riflessanti senza ammoniaca creati da polveri di piante, si lasciano in posa pochi minuti e scuriscono capelli bianchi e grigi solo di un tono. Effetto naturale.

Per coprire la chioma brizzolata bene anche una tintura camouflage che maschera il sale e pepe.

Altre formule in gel ed in crema sono adatte sia per colorare che per prevenire la caduta dei capelli, come ci suggerisce Testanera a proposito di alcune formule che coprono i capelli bianchi e grigi e li rafforzano.

Dritte sulla tinta per i capelli dell’uomo

Attenzione a ciò che comprate nel supermercato: una tintura maschile non deve avere sfumature altamente pigmentate, come il rosso o il giallo, perché avrebbero un effetto terribile sulla chioma facendo apparire i capelli rossicci man mano che si perde il colore. Troppo artificioso.

Bisogna puntare quindi non tanto su un prodotto che copra ma su un prodotto che dia una resa visiva naturale con effetto ringiovanente (e possibilmente anticaduta).

Prezzi della tintura maschile

Il prezzo varia ovviamente a seconda del prodotto acquistato, se si desidera tinta e maschera rinforzante si va dai 15 euro a salire.

Tempistiche ed istruzioni per l’uso

Niente paura: non è che bisogna essere dei maghi per tingersi i capelli. Un po’ di accortezza e la lettura delle istruzioni può bastare.

Indossare guanti e vestiti vecchi, assicurarsi che non vi sia biancheria da bagno che può macchiarsi nei paraggi, leggere le istruzioni. Le applicazioni solitamente non richiedono molto tempo.

Attenzione: i capelli tinti vanno curati, lavaggi frequenti fanno sì che il colore si tolga prima, prodotti non idonei fanno sì che il problema non sia più l’incanutimento ma l’alopecia e poi c’è la temutissima ricrescita. Quindi armatevi di prodotti di tintura giusta che colorino ma soprattutto non vi privino della chioma, shampoo adatti ai capelli colorati ed un balsamo che vi tolga un eventuale effetto stoppa.

Qual è la vostra opinione in merito?

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here